BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati nuovo disegno di legge per una soluzione definitiva a settembre è possibile

In arrivo nuovo disegno di legge su esodati: sarà la soluzione definitiva?



Gli esodati per il governo rappresentano una priorità, coma lo stesso ministro del Lavoro ha confermato, e poi sarà affrontata la questione pensioni. E’, dunque, probabile che dopo l’estate, come annunciato, si discuterà prima di esodati e poi di nuovo piano pensioni.

La deputata di Sel in Commissione Lavoro, Titti Di Salvo, ha annunciato che nelle prossime ore sarà presentato un disegno di legge per risolvere la questione esodati.

Questo prevede fondamentalmente il mantenimento delle norme vigenti nel momento in cui si firma un accordo per lasciare l’azienda, con la creazione di un fondo adeguato a sostenere tutti coloro che si trovano in quella situazione.

L’intenzione nuova è quella di eliminare il limite alla salvaguardia, attualmente legato alle risorse del fondo già esistente, in modo da poter ampliare la platea dei tutelati.

Il ragionamento della deputata segue la linea della necessità di salvaguardare tutti e in base a questi ‘tutti’ la necessità di reperire le risorse adeguate. Un progetto, forse, di troppi ampio respiro, considerando che i soldi effettivamente esistenti per sostenere le categorie di lavoratori che rischiano ancora di rimanere senza lavoro e senza pensione sono davvero pochi.

Ma è necessario, secondo Di Salvo, che questi vengano reperiti perché non si possono lasciare per strade centinaia di miglia di persone. Secondo le stime, infatti, si parla di 170mila persone.

Per reperire tali risorse, la deputata ritiene innanzitutto che non vada cancellata l’Imu su tutte le prime case e che chi ha redditi e patrimoni elevati sarà tenuto a pagarla.

Ciò significa che bisognerà individuare una determinata soglia sotto la quale, magari, non far pagare la tassa. Insieme all’Imu, poi, si possono tassare le rendite finanziarie, come avviene del resto in altri parti d’Europa, al 23%, ‘colpendo’ i patrimoni sopra gli 800mila euro; e istituire un fondo in cui far confluire i proventi della lotta all’evasione fiscale, in modo anche da poter abbassare le tasse su lavoratori dipendenti e pensionati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il