Detrazioni casa 50% ma anche arredamento e cucine 2013 Governo Letta

Come ottenere bonus casa e arredamenti e per cosa vale



Ammontano al 50% le detrazioni previste sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici valide fino al 31 dicembre 2014. Ma non solo, perché i bonus edilizia al 50% sono stati estesi anche all’acquisto di mobili, cucine ed elettrodomestici, e non solo ad incasso, come inizialmente previsto. In questo caso, la detrazione vale per elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni).

Potranno, dunque, ricevere il beneficio frigoriferi, forni, e lavastoviglie acquistati ma solo se attinenti all’arredo di un immobile ristrutturato. Detrazioni previste anche per pompe di calore e caldaie.

Con la proroga dei bonus ristrutturazione del 50% fino a fine 2013, dunque, tutti quelli che hanno iniziato a ristrutturare casa a partire dal 26 giugno 2012 potranno godere della detrazione fiscale anche per l'arredamento della casa in ristrutturazione ed anche per i bonus mobili vale la ripartizione in dieci rate annuali di pari importo.

Se, come accennato, inizialmente si era parlato di detrazione valida solo per la realizzazione di armadi a muro, cucina, sala o bagni in muratura, e cioè per tutti i mobili fissi compresi nella struttura dell'immobile, il realtà la detrazione vale per i tutti i mobili finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione.

Il bonus si potrà ottenere presentando la documentazione relativa all’intervento di ristrutturazione, il cui pagamento deve essere effettuato con bonifico bancario nell’anno 2013 e dovrà riportare la causale del versamento utilizzata da banche e Poste Italiane; il codice fiscale del beneficiario della detrazione; e il numero di partita Iva per cui viene effettuato il bonifico.

Le spese per mobili ed elettrodomestici varranno10mila euro, insieme al tetto massimo di spesa di 96.000 euro previsto per la ristrutturazione stessa, e dovranno essere effettuate entro il 31 dicembre 2013.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il