BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Detrazioni mobili: come fare richiesta per arredamento. Regole e limiti Governo Letta

Chi può richiedere l’ecobonus per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici e come fare



Saranno diversi i cittadini italiani che potranno usufruire dei nuovi bonus per le detrazioni fiscali fissate al 50% per le ristrutturazioni edilizie. La detrazione sarà valida fino al termine dell’anno in corso e stabilisce un limite massimo di spesa detraibile di 96.000 euro, suddivisi in 10 rate di pari importo annuali. Il bonus è stato esteso anche a mobili, caldaie, pompe di calore e grandi elettrodomestici.

Unica condizione da rispettare è che l’acquisto di suddetti mobili o elettrodomestici valga per l’immobile oggetto di ristrutturazione. Per l’acquisto di mobili il tetto massimo di spesa è di 10.000 euro di cui è detraibile il 50% in dieci anni, e possono beneficiare del provvedimento tutti coloro che hanno avviato una ristrutturazione a partire dal mese di luglio 2012.

Le detrazioni varranno anche per l’acquisto di elettrodomestici, e non solo quelli a incasso, come inizialmente stabilito, e per caldaie e pompe di calore. In questi casi, le detrazioni del 50% valgono per lavatrici, lavastoviglie e frigoriferi.

Il bonus varrà per tutti gli elettrodomestici, purchè siano di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni). Chi vuole richiedere il bonus, dovrà pagare i lavori con bonifici bancari o postali, dovrà riportare la causale del versamento attualmente utilizzata dalle banche e da Poste Italiane, insieme a codice fiscale del beneficiario della detrazione e numero di partita Iva del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato. Coloro che richiedono il bonus dovranno acquistare frigoriferi, lavastoviglie e lavatrici entro il 31 dicembre 2013.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il