BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Conto deposito: spese da considerare 2013 tra cui il bollo. Le migliori offerte del mese

Le spese previste dai conti deposito e le migliori offerte



Sono strumenti sicuri e convenienti che permettono di mettere al riparo la propria liquidità riuscendo ad ottenere comunque rendimenti. Si tratta dei conti depositi, da sempre amati dagli italiani, nonostante i nuovi costi che da quest’anno vi pesano.

Dal primo gennaio 2013, infatti, l'imposta di bollo è salita, passando dallo 0,10% allo 0,15% annuo sulle somme depositate, con un minimo di 34,2 euro e senza alcun tetto massimo (a differenza di quest'anno, in cui esiste un tetto massimo 1.200 euro) e in molti hanno pensato che con l’aumento dell’imposta di bollo sui conti deposito la loro convenienza sarebbe venuta meno.

Ma la tendenza a preferirli come strumento di investimento non è cambiata e sono ancora tanti coloro che li scelgono. L’imposta di bollo non è, però, l’unica spesa che pesa sui conti deposito: vanno, infatti, considerate anche le spese per le penali per svincolo anticipato.

Se, infatti, il conto prevede opzioni di vincolo, sono previste solitamente delle penali per lo svincolo del deposito prima del termine previsto dall’opzione. Spesso queste penali consistono semplicemente nella rinuncia agli interessi, anche se talvolta questi ultimi vengono comunque riconosciuti. In ogni modo, si consiglia di leggere attentamente le clausola contrattuali che definiscono le penali in caso di svincolo anticipato.

Non sono previste, invece, sui conti deposito spese di apertura e chiusura, spese di tenuta conto e produzione del rendiconto, e per spese di prelevamento e versamento.

E sono diverse le offerte di conto deposito per questo mese, a partire da quella di conto deposito Rendimax Vincolato di Banca Ifis, che offre un tasso di interesse lordo pari al 3,35% per somme vincolate a 12 mesi.

A seguire troviamo Deposito Sicuro vincolato di Banca Marche, destinato ai nuovi clienti, che ha un tasso lordo del 3,70% su somme vincolate a 12 mesi e  fino al 3,85% se il vincolo si estende fino a 24 mesi, per un importo minimo di apertura di 5.000 euro; Conto su IBL Vincolato, che offre interessi del 3,25% lordo (2,43% netto) su un vincolo a 12 mesi e del 3,5% per un vincolo a 24 mesi per un importo minimo di apertura di 5.000 euro; e Time Deposit Web di BCC for Web (Banca di Credito Cooperativo) che prevede un tasso lordo a 3% con imposta di bollo a carico della banca e che offre anche la possibilità di estinzione anticipata ma con perdita degli interessi maturati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il