BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazione auto: confronto per scegliere la migliore. I migliori siti web

Comparatori online per offerte rc auto: come funzionano



Mentre l'Ivass lancia l'allarme rincari, ritenendo che ormai i prezzi delle assicurazioni auto in Italia sono i più altri rispetto agli altri Paesi europei, l'Ania sotiene invece che si sia registrata una diminuzione dei prezzi.

Dati, dunque, contrastanti, ma, in realtà, confrontando i prezzi dell'assicurazione auto di cinque diverse compagnie assicurative del 2012 con quelli dell'anno in corso, è emerso effettivamente che l'aumento consistente c'è stato, ma non per tutti.

Le categorie che hanno subito le stangate peggiori  per la propria assicurazione auto sono due: la prima è quella delle ragazze neopatentate, che hanno pagato l'introduzione della tariffa Unisex europea, con un aumento medio pari all'11%; mentre la seconda è quella dei 50enni, che hanno visto il prezzo medio delle polizze aumentare dell'11,89% rispetto al 2012.

Le altre categorie di guidatori non hanno visto grandi variazioni dei premi, che sono rimaste intorno all'1%. Per cercare l’assicurazione auto che meglio si adatti alle proprie esigenze, prima di recarsi in agenzie tradizionali, si possono usare i comparatori online, siti specializzati che si occupano appunto di fare un confronto prezzi, dando al cliente la possibilità di visualizzare i migliori e più convenienti, una volta analizzato il profilo del cliente stesso.

In questi siti, infatti, basta riportare alcuni dati personali che identificano la categoria del guidatore e in base al risultato emergeranno le migliori offerte rc auto. I siti più conosciuti di comparazione sono www.sostariffe.it; www.supermoney.it e http://www.6sicuro.it/, ma anche www.automobilismo.it e cercassicurazioni.it.

Grazie ai comparatori di assicurazioni si possono rapidamente visualizzare molti preventivi, ma nel compilare i questionari bisogna prestare attenzione ad indicare con precisione il numero di chilometri che si percorrono in un anno, perché spesso il premio è più basso se si guida meno, quindi non indicare una percorrenza stimata eccessiva; e valutare se limitare l’uso della macchina ad altri conducenti.

La ‘guida esclusiva’, con cui solo il guidatore della vettura può appunto guidare, è in genere la più conveniente ma può rivelarsi troppo limitante.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il