BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Letta: cambiare sempre più difficile. La situazione è in stallo

Governo fermo: quale sarà il futuro di pensioni ed esodati?



Il governo ha annunciato la discussione sulle ipotesi del nuovo piano pensioni per il prossimo mese di settembre o ottobre e, nonostante le modifiche presentate, la situazione sembra bloccata.

A causa, infatti, delle crisi nate in seno al governo, sembra che le questioni definite più volte ‘urgenti’, siano state rimandate. Per quanto riguarda il mondo delle pensioni, le nuove modifiche allo studio del nuovo governo prevedono l’opportunità di andare in pensione prima degli attuali 66 anni, e cioè all’età pensionabile di 62 anni con 35 anni di contributi ma, con una riduzione dell’assegno Inps.

Allo studio del governo, anche il  problema degli esodati, ovvero la categoria dei lavoratori che, per effetto delle nuove norme Fornero in vigore da questo gennaio, rischiano di rimanere senza pensione e senza lavoro.

Secondo i recenti dati dell’Istat, sarebbero migliaia di migliaia gli esodati, cui andrebbero aggiunti gli esodandi che, rischiano di rimanere scoperti per i prossimi mesi. Ma il problema più urgente da affrontare, rimane la disoccupazione dei giovani. Ma anche in questo caso tutto sembra essersi fermato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il