BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pagamento Unico 2013 a rate: regole ufficiali da circolare INPS

Rateizzare i pagamenti di Unico 2013: come fare



Una nuova circolare Inps ha chiarito che si possono rateizzare le tasse dovute in dichiarazione con il Modello Unico 2013. La rateizzazione vale per imposte e contributi come saldo 2012 e acconto 2013.

La circolare specifica che per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, la rateizzazione deve essere terminata  entro il mese di novembre ed è necessario calcolare gli interessi, nella misura dello 0,33% mensile (4% annuo), a partire dal termine per il versamento del saldo e della prima rata di acconto.

Possono essere rateizzati anche i contributi previdenziali, Ivs e gestione separata, i debiti tributari derivanti dalla dichiarazione, rispettando le medesime scadenze e con applicazione della maggiorazione (0,40%).

Si rateizza anche la maggiore Iva per l’adeguamento agli studi di settore; l’imposta sostitutiva per i nuovi minimi ( co. 1 e 2, art. 2, dl 98/2011); quella per i contribuenti che applicano il regime delle nuove iniziative produttive (art. 13, legge 388/2000); e quanto dovuto in applicazione della cedolare secca.

Per l’Iva, il contribuente può differire il versamento del saldo 2012 e, se presenta la dichiarazione in forma unificata, dovrà sommare gli interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 18 marzo 2013; dunque, il saldo Iva deve essere maggiorato dell’1,20% e può essere rateizzato per il numero individuato dal contribuente, aggiungendo uno 0,33% a titolo di interessi mensili sugli importi riferiti alle rate successive alla prima.

Per i contribuenti che liquidano trimestralmente l’Iva, bisogna applicare gli interessi trimestrali (1%). I termini per i versamenti restano comunque quelli stabiliti, a seconda che il soggetto sia interessato o meno dagli studi di settore; nel primo caso, il versamento delle imposte e dei contributi doveva avvenire entro l’8 luglio scorso ossia entro il prossimo 20 agosto con applicazione dello 0,40%; mentre per i secondi il versamento doveva essere realizzato entro lo scorso 17 giugno e, con la medesima maggiorazione, entro il 17 luglio 2013.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il