BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni flessibilità: ipotesi Giovannini-Damiani e Polverini con Governo Letta

Un piano pensioni flessibile per risolvere anche questione esodati: le proposte



In prima fila l’esponente del Pd Cesare Damiano e l’ex governatrice della Regione Lazio Renata Polverini. Da loro provengono, infatti, le principali proposte di cambiamento all’attuale sistema delle pensioni, entrato in vigore a gennaio 2013, firmato dall’ex ministro Fornero e che esteso il sistema contributivo per tutti e innalzato l’età pensionabile.

Queste nuove norme hanno dato vita all’ingarbugliato nodo della questione esodati, coloro che cioè proprio a causa della riforma Fornero rischiano di rimanere senza lavoro e senza pensione. E si parla attualmente di circa 200mila persone, che vanno ad aggiungersi ai 130mila salvaguardati dai tre decreti del governo Monti.

I dati diffusi dall’Inps sul primo decreto specifica che le situazioni prese in carico a livello di certificazione sono 62mila sulle 65mila preventivate, meno 4,6% rispetto alle previsioni iniziali.

Cesare Damiano del Partito Democratico ha avanzato una proposta di legge per una riforma che punta sulla flessibilità, dando al lavoratore la possibilità di andare in pensione a 62 con 35 anni di contributi.

Ma, rispetto alla soglia dei 66 anni, ogni anno di anticipo in cui si va in pensione prevede penalizzazioni del 2% sull'importo dell’assegno finale, che potrebbe raggiungere un massimo dell'8% se si lasciare il lavoro a 62 anni. Questo piano prevede anche bonus della stessa misura 2% per ogni anno di ritardo in cui si va in pensione, fino alla soglia massima dei 70 anni.

Secondo Damiano, un sistema pensionistico più morbido aiuterebbe il ricambio generazionale nel mondo del lavoro. E dello stesso è Renata Polverini.

La sua proposta per modificare l’attuale piano pensioni prevede l'accesso al pensionamento con le vecchie regole per gli esodati che attendono ancora tutele da parte del governo, risolvendo il problema delle coperture attraverso i proventi dei giochi pubblici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il