BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Revisione catasto: novità e cosa cambia anche per Imu 2013

Riformare l’Imu partendo da una revisione del catasto: cosa prevede



Per riformare l’Imu, bisogna partire da una rivalutazione del sistema patrimoniale, partendo da una riforma del catasto che farà inevitabilmente crescere la tassa sulle seconde case: gli inevitabili aumenti delle rendite catastali aggiornate ai valori di mercato saranno neutralizzati solo in parte sulle prime case.

E molte città hanno scelto di ritoccare all’insù il contributo sulle seconde case con i sindaci che sono costretti a decidere per l’aliquota massima del 10,6 per mille. Con i nuovi conti del catasto, il mattone varrà il 60% in più e per calcolare l’impatto sull’Imu, si valuteranno i livelli di mercato degli ultimi tre anni.

L'identificazione dei valori di vendita e di locazione degli immobili avverrà sulla base dei metri quadrati e non più dei vani catastali, il cui numero non è sempre collegabile a quello degli ambienti in cui è suddiviso l'immobile perché comprende anche pertinenze e spazi comuni e la cui dimensione è variabile.

Per fare un solo esempio, il vano in media a Milano misura 18,12 metri quadrati a Roma invece 19,40. Secondo il disegno di legge, la determinazione dei valori partirà da funzioni statistiche, ‘atte ad esprimere la relazione tra valore di mercato, la localizzazione e le caratteristiche edilizie dei beni per ciascuna destinazione catastale e per ciascun ambito territoriale anche all’interno di uno stesso comune’.

La base del calcolo saranno i valori dell’osservatorio del mercato immobiliare redatto dall’Agenzia delle Entrate, che suddividono i comuni in zone omogenee e che forniscono valori di vendita e locazione a metro quadrato e poi a queste sarà applicate una riduzione derivante dalle spese: manutenzione straordinaria, amministrazione straordinaria, assicurazioni, adeguamenti tecnici di legge, o strada in cui si trova.

Se la revisione del catasto diventasse legge entro settembre 2013, ci sarà un aumento delle case di lusso che pagano l'Imu 2013, ma se poi l’Imu ritorna o rimane nel 2014 si avrà un aumento generalizzato della tassa per tutte le case.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il