E-newspaper, i giornali del futuro saranno realtà entro il 2007-2008

E’ in arrivo per il prossimo 2007 il giornale del futuro, l’e-newspaper, nuovo sistema di periodico in formato elettronico, a cui stanno lavorando alcuni importanti editori.



E’ in arrivo per il prossimo 2007 il giornale del futuro, l’e-newspaper, nuovo sistema di periodico in formato elettronico, a cui stanno lavorando alcuni importanti editori.

Gli utenti potranno effettuare il download delle edizioni complete di un giornale su schermi digitali portatili flessibili, da infilare in tasca. Questi lettori tascabili consentono una migliore lettura rispetto al display dei telefoni mobili e al monitor dei computer, offrendo al tempo stesso una maggiore praticità e una riduzione dei costi di produzione e distribuzione che caratterizzano il 75% delle spese dei giornali su carta stampata.

A causa della difficoltà della realizzazione pratica e dei costi eccessivi, per anni i lettori tascabili sono stati solo un prototipo, ma a quanto pare presto faranno la loro comparsa sul mercato. «Se un utente potrà acquistare uno di questi dispositivi a un prezzo inferiore a quello di un abbonamento annuale, allora potrebbe funzionare», ha affermato Kenneth Bronfin, presidente di Hearst Interactive Media. Nuovi lettori sviluppati da Sony e iRex potrebbero essere i futuri dispositivi utilizzati dagli editori per concretizzare la propria idea di e-newspaper. I nuovi dispositivi sfruttano la tecnologia della società E Ink ideata dal Media Lab del Massachussetts Institute of Technology: la società produce dei fogli contenenti delle piccole capsule che proiettano bianco o nero a seconda della corrente elettrica che attraversa il dispositivo.

Per adesso i modelli di e-newspaper utilizzano i fogli di E Ink sopra delle tavolette di transistor di vetro o piani rigidi, ma l’idea è quella di svilupparne altre su pagine flessibili di plastica. In questo senso, sta lavorando la britannica Plastic Logic Ltd, mentre Xerox e HP stanno studiando dei metodi per sviluppare delle superfici piane flessibili ed economiche, per consentire agli editori di lanciare sul mercato questo tipo di dispositivi.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il