BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazione auto: tariffe più basse e preventivi uguali nord e sud Italia con Governo Letta

Nuovo piano governo per assicurazioni auto più competitive: cosa prevede



Crescono i prezzi delle assicurazioni auto in Italia, crescono le frodi e il numero di coloro che circola senza assicurazione, e il governo si mette al lavoro per renderle competitive e più convenienti per i guidatori.

Il sottosegretario allo Sviluppo Economico Simona Vicari ha, infatti, annunciato un nuovo piano del governo per “Parificare le tariffe assicurative tra nord e sud, verificare l’attuazione delle norme sui plurimandatari, insomma intervenire sul settore assicurazioni, rc auto in primis ” perché tutti si dicono scandalizzati ma non cambia mai niente”.

E assicura: “Si dovrebbe arrivare a ottobre a un decreto che potrebbe essere un collegato o viaggiare in parallelo alla Legge di Stabilità”. Il Governo Letta intende riportare il costo delle tariffe alla media europea e colmare il gap fra Nord e Sud Italia e per raggiungere quest’obiettivo, e poter così sanare la piaga tutta italiana delle frodi assicurative, l’esecutivo vuole sostenere la concorrenza sul mercato, garantendo agli automobilisti un ventaglio più ampio di proposte, sia tradizionali sia online, fra le quali poter scegliere.

“L'obiettivo,ha detto infatti la Vicari, è di rafforzare la trasparenza, migliorare i meccanismi di tutela dei consumatori e soprattutto garantire tempi certi e più brevi nel risarcimento dei danni.

A questi vanno aggiunti interventi che permettano di aprire ulteriormente il settore assicurativo ad una maggiore concorrenza, da cui non potranno che discendere effetti positivi e ridimensionare il gap tra le varie zone del Paese attraverso principi di equità e solidarietà è importantissimo in questo momento di profonda crisi per le famiglie, reintroducendo il principio della mutualità con la verifica dell'obbligo a contrarre”.

Il governo si impegnerà, inoltre, ad innalzare il limite alla circolazione del contante, dagli attuali 1.000 a 3.000 euro, e verificare l’attuazione delle liberalizzazioni e procedere alla legge sulla concorrenza in stretto coordinamento con l’Antitrust.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il