BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tares: date e regole pagamento nuova tassa rifiuti 2013. Come si calcola

Come sarà calcolata la nuova Tares



Sostituisce la vecchia Tarsu e per gli italiani rappresenterà una nuova stangata: si tratta della nuova Tares, la Tariffa comunale sui rifiuti e servizi, tassa che comprenderà in un solo tributo tutte le voci riguardanti la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati e le maggiorazioni relative all’illuminazione e alla manutenzione delle strade da parte dei Comuni.

La Tares sarà calcolata su base annua a seconda della quantità e della qualità dei rifiuti prodotti per ogni singola unità di superficie e dovrà pagare chi è in possesso, occupa o detiene a qualsiasi titolo locali (quindi di tutte le strutture fissate al terreno e chiuse minimo su tre lati); o aree scoperte, cioè tutte quelle superfici prive di edifici o di strutture edilizie, di spazi circoscritti che non costituiscono parte integrante del locale (come le tettoie, i balconi, le terrazze, i campeggi, i dancing e cinema all’aperto, parcheggi, adibiti a qualunque utilizzo e in grado di produrre rifiuti urbani e assimilati).

La Tares, a differenza dell'Imu, peserà non solo sui proprietari degli immobili, ma anche su chi ne usufruisce. La Tares sarà applicate in base al numero dei componenti del nucleo familiare che risultano iscritti dal primo gennaio 20013 sugli elenchi dell’anagrafe tributaria e alla metratura dell’abitazione, viene, quindi, calcolata sulla base del numero degli occupanti dell’abitazione.

La Tares is pagherà a partire dal 30 luglio in rate diverse fissate, però, dalle diverse città. Per esempio, le scadenze sono state fissate per il 15 settembre e 15 ottobre; a Lucca, dopo la prima rata del 15 giugno, le altre sono fissate per il 15 settembre e 15 novembre; mentre a Trani si pagherà a settembre, ottobre e dicembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il