BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: decreto e soluzione per pensione potrebbe slittare a settembre non agosto

Questione esodati rimandata a settembre? La situazione attuale



C’è chi da settimana fissa al 31 agosto la data ultima di presentazione di un nuovo decreto che tuteli gli esodati, quella categoria di lavoratori cioè che rischiano di rimanere senza lavoro e senza pensione per effetto delle norme entrate in vigore con la riforma Fornero.

Si tratta di un nodo che ha creato non pochi problemi negli ultimi mesi al nuovo governo che si ritrova a dover sostenere quasi 200mila persone in questa situazione, oltre ai 130 già salvaguardati dai tre decreti dell’ex governo Monti ma di cui effettivamente solo una minimissima parte ha ricevuto finora la pensione.

Ma alcune indiscrezioni posticiperebbero l’arrivo di un nuovo decreto a settembre e non più ad agosto, cosa decisamente non positiva, perché un ulteriore rinvio della discussione di questa questione, farebbe dilatare ancora i tempi di soluzione, lasciando in bilico migliaia e migliaia di persone.

Inizialmente la questione esodati, insieme a Imu ed Iva, secondo quanto annunciato dal governo, avrebbe dovuto trovare una soluzione definitiva entro la fine dell’estate, ma per dare risposte certa a tutti coloro che attendono è prioritario reperire fondi per le coperture necessarie, per dare la pensione non solo agli 11mila esodati, cifra resa noto proprio qualche giorno fa dall’Inps, ma a tutti i 130mila già salvaguardati dall’ex governo Monti; per allargare la platea dei tutelati alle altre 200mila persone ora senza tutele; e per pensare ad eventuali sussidi da destinare a chi ancora aspetta la pensione.

Secondo l’Inps, infatti, in tutto finora dei 130.130 lavoratori, circa 11.384 sono andati in pensione con le vecchie norme e sono coloro che hanno maturato i requisiti per andare in pensione, una prima tranche di quei 65mila lavoratori salvaguardati con il decreto del 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il