BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni: previsioni secondo semestre 2013. Si ritorna a parlare di acquisiti

Volerà l’azionario ma possibilità di ripresa anche per obbligazioni: le previsioni del mercato



Saranno mesi dinamici sul mercato i prossimi di I mesi di luglio-agosto-settembre-ottobre-novembre-dicembre 2013, mesi che torneranno a privilegiare le Borse e le azioni torneranno ad essere gli investimenti migliori, soprattutto una volta passata la bufera degli annunci della fine delle iniezioni di liquidità, come sostenuto da Lorenzo Alfieri, country head per l’Italia di JP Morgan, secondo cui “Nella seconda parte dell’anno le azioni saranno da preferire alle obbligazioni”.

E specifica che “In Europa, in caso di recupero delle condizioni economiche, i periferici come Spagna e Italia hanno maggiori chance”. Se dopo l’annuncio della Federal Reserve, i bond sono crollati, le parole di Ben Bernanke di voler porre fine alla politica monetaria espansiva indicano una ripresa dell’economia americana, che si traduce in crescita e, secondo gli analisti, a beneficiare di questa ‘ritrovata’ crescita sarà sicuramente il mercato azionario.

In questo momento sono già tornate a cresce le azioni Usa ed anche i listini europei hanno ripreso una fase di recupero. Ma secondo alcuni esperti, anche le obbligazioni societarie in euro dovrebbero trarre profitto.

Dopo la recente correzione, gli high yield non sono ancora a buon prezzo ma sono certamente più attraenti rispetto al primo trimestre. Sembra, dunque, essere iniziata una fase di ripresa, in cui i rischi maggiori per le obbligazioni high yield europee sarebbero un rallentamento inaspettatamente forte della congiuntura nella zona euro e/o un ulteriore peggioramento del sentiment di rischio degli investitori.

Anche negli Usa, la Fed ha scosso i mercati obbligazionari con le dichiarazioni di ridimensionamento dei suoi acquisti di bond, spingendo al rialzo i rendimenti obbligazionari del paese a stelle e strisce.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il