BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: prima casa, seconda casa, imprese, negozi, capannoni.Cambiamenti possibili entro 31 Agosto

Governo impegnato su Imu: riforma entro il 31 agosto



Mentre tramonta l’idea di discussione di un nuovo piano pensioni entro settembre, sembra, invece, che il governo rispetterà il calendario annunciato del 31 agosto per presentare la nuova riforma dell’Imu.

E se c’è chi propone di ridurre l'Imu sulla prima casa e sugli immobili strumentali delle aziende, come capannoni, negozi e terreni, il governo intende rimodulare l’imposta sulla prima casa ma anche pensando ad eventuali riduzioni per capannoni, aziende e negozi.

Il ministro per lo Sviluppo economico Flavio Zanonato ha annunciato la volontà da parte dell’esecutivo di“Evitare l'incremento di un punto dell'Iva e intervenire per ridurre l'Imu sulla prima casa delle famiglie e sugli immobili strumentali delle aziende, su capannoni, negozi e terreni.

Si può intervenire in tal senso, senza toccare in alcun modo le villette bifamiliari dei pensionati, e a sostegno degli imprenditori, considerando che gli immobili strumentali in questione rappresentano in fondo per loro la prima casa.

Entro il 31 agosto saranno comunque valutate tutte le proposte presentate, dall’abolizione dell'Imu sulle abitazioni principali con l'eccezione di ville, castelli o case di lusso; alla rimodulazione per ridurre il prelievo sui redditi medio-bassi; all’aumento della franchigia; ad una service tax che comprenderebbe Tares ed Imu insieme; alla possibile soluzione transitoria per il 2013 rinviando alla Legge di stabilità la complessiva riforma della tassazione immobiliare.

E mentre il Pdl insiste per la cancellazione dell’Imu sulle abitazioni principali, che costerebbe 4 miliardi di coperture l'anno; Pd e Scelta civica preferirebbero rendere l'Imu più progressiva, mentre il ministero propone anche l'aumento dell'attuale franchigia da 200 a 500-600 euro,  così sarebbe esentato dal pagamento oltre l'80% dei contribuenti.

Inoltre, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, conferma: “L'Imu sulla prima casa sarà abolita ma non per tutti e non ci sarà alcuna stangata sui villini”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il