BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: nessun incontro in Parlamento a settembre Governo Letta. Ma quando soluzione?

Slitta con questione pensioni anche quella esodati: si attendono ancora misure concrete



Nonostante sia stata definita 'un'urgenza sociale' dal premier Enrico Letta, la questione esodati continua ancora ad essere relegata nel nulla. Si susseguono ipotesi, proposte, numeri, annuncia ma nulla di concreto viene fatto ormai da mesi. E l'impasse che riguarda migliaia e migliaia di persone rischia di rimanere ancora tale per molto tempo.

Ma urge una soluzione. “Abbiamo già salvaguardato oltre 130 mila persone, altre sono ancora in difficoltà. E' stato forse un problema di valutazione complessiva della dimensione di questo problema” ha affermato il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini.

E ha poi precisato: “Non c'erano dati che ci dicevano quante persone avevano fatto accordi con le società Ci stiamo lavorando”. Ma questo lavoro dura ormai da troppo tempo. Per quanto riguarda i 130mila salvaguardati come detto del ministro Giovannini, non è proprio così, considerando che si tratta degli esodati beneficiari dei tre decreti varati dall’ex governo Monti ma di cui solo una minimissima parte ha effettivamente ricevuto la pensione.

Questi 130mila salvaguardati si dividono in tre platee da 65mila, 55mila e ultimi 10mila, di loro solo la prima tranche dei 65 mila ha ricevuto le tutele dovuto e di loro una buona parte ancora le attende.

A questo esercito di lavoratori ancora in bilico che rischiano di rimanere senza lavoro e senza pensione, se ne aggiungono altri 200mila per cui è necessario reperire nuove risorse. Nuovi fondi sono, infatti, necessari per tutelare queste persone che altrimenti non hanno modo di reinserirsi nel mondo del lavoro.

L’appuntamento per sciogliere il nodo esodati era stato inizialmente fissato per settembre, come del resto accaduto per le pensioni, probabilmente anche questa questione slitterà ancora una volta, lasciando ancora timori in chi si ritrova senza più nulla. E ci si chiede, dunque, quando effettivamente saranno trovate e messe in atto misure concrete di tutela che chiudano una volta per tutte questa partita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il