BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Letta ultime notizie oggi:pensioni statali con vecchie regole.Conseguenze per tutti

Statali in pensione con le vecchi regole: cosa ci si aspetta



Flessibilità, penalizzazioni e non solo: la nuova ipotesi per modificare il mondo delle pensioni prevede la possibilità per i dipendenti pubblici di andare in pensione con le vecchie regole, quelle in vigore prima della riforma Fornero.

Si tratta però di una soluzione che dovrebbe riguardare solo gli esuberi, ma potrebbe essere letta come una buona notizia per diversi settori soprattutto per precoci e lavori usuranti. In tanti però la vedono come la solita agevolazione e, quindi, infuriano polemiche e proteste.

Ma sembra che il governo  stia pensando a mettere in atto una maxi operazione di pensionamento anticipato che consentirebbe di risparmiare qualcosa, ristrutturare il settore e assumere qualcuno.

Questa soluzione dovrebbe toccare circa 7000 pubblici dipendenti che, considerati esuberi, eviteranno di essere soggetti alle norme della legge Fornero. Intanto si aspetta la decisione della Commissione Bilancio della Camera sulla proposta di legge unificata n.249 per i pensionandi di Quota 96. Manuela Ghizzoni, deputata Pd in commissione Cultura, parla di ottimismo ma anche le difficoltà incontrate nell'iter legislativo.

La Ghizzoni dice: “Prima di tutto un punto positivo è il fatto che il problema dei Quota 96 sia stato riconosciuto da tutti come un errore causato dalla riforma Fornero, una stortura da correggere al più presto. Fino ad ora non c'era mai stata, a parte alcune voci isolate, la diffusa convinzione che di errore si è trattato e che esso va emendato”.

Il problema dei Quota 96 è nato, infatti, da un errore che non ha tenuto conto della specificità del comparto scolastico, scandito sulla base dell'anno scolastico e non solare e che presenta un'unica finestra per il pensionamento, il 31 agosto di ogni anno.

Al momento però, nell’attesa della decisione della Commissione, la questione rimane sospesa e tanti lavoratori che operano nel settore scolastico non sanno ancora se riusciranno ad andare in pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il