Concorso scuola e assunzioni insegnanti 2013-2014: decisioni Ministro Carrozza insieme a graduatorie

Immissioni in ruolo 2013: in pochi giorni la decisione del Ministero



Dopo le polemiche piovute sul mega concorso della scuola 2012-2013 sin dal suo inizio, ora un nuovo problema riguarda i professori vincitori che dovrebbero salire in cattedra a partire dal prossimo settembre.

Sembra, infatti, che i posti disponibili nelle scuole siano inferiori al numero dei vincitori del concorso: in Sicilia, per esempio, dei 202 nuovi insegnanti passati sono solo 37 le cattedre libere; in Campania, su 243 vincitori del concorso ci sono solo 164 posti disponibili, e per la primaria, in Abruzzo ci sono 100 i vincitori per 23 cattedre, di cui 12 a Chieti, 1 a L’Aquila, 4 a Pescara e 6 a Teramo; in Basilicata per 71 prossimi vincitori del concorso, ci sono appena 17 posti a disposizione; in Calabria 91 su 202; in Campania per 360 vincitori 62 posti; in Puglia, invece, per 284 vincitori sono 56 le cattedre disponibili.

Il ministro dell'Istruzione Carrozza ha dichiarato: “A settembre vedremo nuovi docenti sulle cattedre italiane. Noi immetteremo 15mila docenti nel prossimo anno scolastico, provvederemo come abbiamo detto: 50% dalle graduatorie e 50% dal concorso”.

Secondo quanto comunicato dal Ministero dell'Istruzione, il reclutamento delle nuove assunzioni si baserà, dunque, sulla spartizione dei posti da assegnare, al 50% dalle graduatorie ad esaurimento e il rimanente 50% dalle graduatorie del concorso.

Ma le graduatorie non sono ancora pronte. Per ovviare a questa situazione sarebbero due le ipotesi di soluzione al vaglio per settembre: ‘laddove le graduatorie del concorso non saranno pronte, si dovrebbero utilizzare per le assunzioni i candidati delle graduatorie permanenti, recuperando poi la volta successiva dalle liste del concorso’; o si potranno ‘prevedere immissioni in ruolo anche ad anno scolastico già avviato, così da assumere in entrambe le liste, ma solo in punta di diritto: l'assunzione così varrebbe giuridicamente già dal prossimo primo settembre, salvo gli effetti economici che decorrerebbero dalla data reale di inizio del contratto’.

Le decisioni definitive saranno comunicate nei prossimi giorni, quando il Ministero dovrà decidere come procedere alle immissioni in ruolo 2013.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il