BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Insegnanti: immissioni a ruolo 2013-2014. Oggi venerdì 2 Agosto Decreto. Piano docenti sostegno

Le novità scuola con nuovo decreto D’Alia. Cosa prevede



E' atteso per oggi, venerdì 2 agosto, il decreto per le nuove immissioni in ruolo nel mondo della scuola. In totale si tratterebbe di 11.500 posti per il personale docente e 3.500 per gli Ata, mentre si attendono 5.336 nomine in ruolo da conferire utilizzando le graduatorie vigenti nell'a.s. 2012/2013.

Si tratta di collaboratori scolastici, cuochi, addetti aziende agrarie, guardarobieri, infermieri. Intanto, oltre ad un piano straordinario di concorsi per il 50% dei posti per i precari della PA, ma che non riguarda la scuola, il decreto D'Alia prevede anche provvedimenti che riguardano la scuola, per i posti di sostegno e il blocco stipendi 2014.

Secondo alcune indiscrezioni, infatti, il decreto prevederebbe un provvedimento che riguarda la trasformazione dei posti di sostegno effettivamente liberi in organico di diritto, rendendoli disponibili per una straordinaria misura di assunzioni e si tratterebbe di circa 27mila cattedre che saranno trasformate da organico di fatto a organico di diritto.

Intanto il ministro dell'Istruzione Carrozza ha dichiarato: “A settembre vedremo nuovi docenti sulle cattedre italiane. Noi immetteremo 15mila docenti nel prossimo anno scolastico, provvederemo come abbiamo detto: 50% dalle graduatorie e 50% dal concorso”.

Secondo quanto comunicato dal Ministero dell'Istruzione, il reclutamento delle nuove assunzioni si baserà, dunque, sulla spartizione dei posti da assegnare, al 50% dalle graduatorie ad esaurimento e il rimanente 50% dalle graduatorie del concorso.

Ma le graduatorie non sono ancora pronte. Le decisioni definitive saranno comunicate nei prossimi giorni, quando il Ministero dovrà decidere come procedere alle immissioni in ruolo 2013. Ma il decreto nuovo affronta anche la questione anche del blocco degli stipendi fino al 2014, blocco che, come ha detto lo stesso D'Alia, “non poteva essere evitato perché il governo sarebbe alla ricerca di 7 miliardi per riaprirei contratti”.

Il nuovo decreto D'Alia prevederebbe, infine, anche un piano triennale di immissioni in ruolo per il 2014-17 e ciò significa che alle 15mila immissioni in ruolo del 2013/14 si aggiungeranno altri 44mila posti, che, come sopra anticipato, saranno divisi al 50% tra le graduatorie ad esaurimento e i vincitori di concorso.

Ma la responsabile scuola del Pdl, Elena Centemero, ha anticipato che “In merito alla formazione e al reclutamento del corpo docente, dovrebbe essere ripensato in modo strutturale il sistema dei Tfa ordinari e, soprattutto, dei Tfa speciali, dato che questo sistema ha dimostrato di non funzionare”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il