BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità: cambiamenti e modifiche. Giovannini li ribadisce almeno in parte

In ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha annunciato importanti provvedimenti per settembre.



Torna sul tema delle pensioni il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Enrico Giovannini, e lo fa con un’intervista all’Avvenire in cui si è concentrato su una prima proposta sul reddito di inserimento.

'A metà settembre – ha dichiarato il ministro - sarà pronta una prima proposta sul reddito di inserimento, prevista dal programma di governo, la cui mancanza ha spinto negli anni a creare dei 'surrogati' come le pensioni d'anzianità e la mobilità lunga'. Per Giovannini, 'serve uno strumento di contrasto alla povertà, da agganciare alla disponibilità a rimettersi sul mercato del lavoro'.

Quanto al decreto lavoro e ai bonus previsti per le aziende che assumono, il ministro ha precisato che se 'il 'tiraggio' degli incentivi sarà elevato, potremo vedere con le regioni di destinare a questo scopo anche alcuni fondi strutturali 2014/20 della Ue'.

Giovannini si è pronunciato ovviamente anche sulla questione esodati: avvertendo che 'a settembre contiamo di fare un ulteriore intervento per 20-30mila soggetti che, dopo i 135mila già salvaguardati in tre tranches dal ministro Fornero, dovrebbero grosso modo esaurire la platea'.

Era stato lo stesso ministro però, nelle settimane scorse, a dichiarare in una videochat del TG1 di non voler stravolgere l’impianto della cosiddetta legge Fornero delle pensioni.
Le parole di Giovannini al tg1 però hanno rappresentato una sorte di doccia gelata per tutti quei lavoratori che attendono modifiche della legge Fornero delle pensioni.

Tuttavia, il vero problema non consiste nel fatto che Giovannini neghi la volontà del Governo di rimettere mano all’impianto del sistema pensionistico italiano, ma nel fatto che gli interventi che saranno attuati in materia di pensioni saranno probabilmente graduali e correlati a quanto previsto nella cosiddetta Legge di Stabilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il