BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: ultime notizie Governo Letta oggi. Giovannini riapre a modifiche graduali

Lavori in corso per modifiche pensioni: quando le novità ufficiali?



“Nel corso del mese di settembre concluderemo il lavoro e valuteremo se inserire qualche elemento nella legge di stabilità o fare un provvedimento diverso. Ma questo è solo un pezzo del puzzle, legato poi al tema degli esodati e ad una serie di manutenzioni sul sistema pensionistico che vanno fatte, senza per questo stravolgerlo”: queste le dichiarazioni del ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, intervenuto per tranquillizzare quanti aspettano modifiche in un mondo delle pensioni stravolto dal sistema voluto dall’ex ministro Fornero.

Nonostante un rinvio del lavoro, giacchè un nuovo piano pensioni era stato annunciato per settembre ma mancando risorse e tempo è tutto slittato, la modifica cui da tempo si lavora è quella che prevede un piano pensioni più flessibile e che segue quanto proposto dall’esponente del Pd, Cesare Damiano.

La proposta consiste nella possibilità di lasciare il lavoro a 62 anni con 35 anni di contributi e sottoposti ad un sistema di penalizzazioni o incentivi a seconda che si decida di lasciare prima o dopo rispetto all’attuale soglia dei 66 anni.

Sono, infatti, previsti incentivi e disincentivi economici per chi si ritira prima e dopo i 66 anni d'età e, per esempio, nel caso di pensionamento a 62 anni sarà applicata la percentuale di riduzione pari all'8%, a 63 quella del -6%, a 64 anni del -4%, a 65 del 2%.

Superati, invece, i 66 anni, rimanendo a lavoro, scatteranno incentivi nella misura di un +21% a 67 anni, un + 4% a 68 anni, un + 6% a 69 anni, fino ad arrivare ad un + 8% a 70 anni.

Senza considerare poi la necessità di mettere finalmente un punto alla controversa questione esodati, cercando di stabilizzare quanti ancora oggi rischiano di rimanere senza lavoro e senza pensione; e la necessità di pensare a regole specifiche per i lavoratori precoci e coloro che svolgono lavori usuranti, impossibilitati, in moltissimi casi, a rimanere a lavoro fino ai 66 anni. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il