BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Seconda casa: Imu 2013. Quando e quanto si deve pagare. No Irpef. Anche Retroattiva

Imu abolita ma torna Irpef su seconde case: i conti salati in arrivo



AGGIORNAMENTO: Smentita dal Governo Letta, la doppia tassazione delle casa con l'Irpef. Non ci sarà assolutamente in Gazzetta Ufficiale, è stato solo un malinteso tecnico. Ma aliquote saranno comunque molto alte, in quanto Comuni devono riprendere il gettito che la cancellazione sulla prima casa e terreni agricolo ha provocato

Viene abolita l’Imu 2013 su prime case, terreni agricoli e fabbricati rurali, ma arriva, dal 2014, la nuova Service Tax e si torna a pagare l'Irpef sulle seconde case. Torna cioè un'imposta eliminata dal precedente governo Monti proprio per dar vita all'Imu.

E se la cancellazione del pagamento della rata di giugno ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai proprietari di prime case, e lo scoglio maggiore da superare è quello dell’aumento di un punto percentuale dell’Iva il primo ottobre, vi è un altro problema da affrontare, e cioè il ritorno dell’Irpef sulle seconde abitazioni.

L’articolo 6 del nuovo decreto, infatti, specifica il ‘Ripristino parziale dell’imponibilità ai fini Irpef dei redditi derivanti da unità immobiliari non locate’. Si tratta cioè del ritorno della vecchia norma secondo cui un immobile, anche se disabitato, viene considerato come possibile fonte di reddito e in quanto tale soggetto a margine imponibile.

Così, mentre l’Imu sarà ufficialmente cancellata, l’imposta sulle seconde case tornerà a farsi sentire già a ottobre, quando i proprietari dovranno elencare i possedimenti in denuncia dei redditi, e l’impatto, per le casse statali, potrebbe essere tanto notevole da valere un miliardo e 300 milioni di euro di gettito.

Ciò significa che il conto dell'abolizione dell'Imu sulla prima casa sarà pagata dai possessori di seconde abitazioni non affittate. Tecnicamente, ad essere colpite saranno le case acquistate e non adibite ad abitazione principale, come gli appartamenti in attesa di essere locati, o le cosidette case di vacanza, che siano al mare o in montagna, o utilizzati come alloggio temporaneo senza residenza, o occupati da familiari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il