BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: seconda casa. Aliquote più alte, ma nuova tassa Irpef non ci sarà in Gazzetta ufficiale

Smentita ipotesi ritorno Irpef: la nota del governo



Se l'Imu sulla prima casa e i terreni agricoli per il 2013 non si pagherà più e al suo posto nel 2014 arriverà la cosiddetta Service Tax, temono i proprietari di seconde e terze case, negozi, capannoni e aziende.

Il loro timore riguarda la possibilità di rialzo al massimo delle aliquote Imu che saranno tenuti a pagare, cosa che in realtà era stata già definita. Ma almeno ci si salva al ritorno dell’Irpef.

Se, infatti, qualche giorno fa si paventava l’ipotesi che l’abolizione Imu 2013 avrebbe portato al ritorno dell'Irpef, cancellata dall’ex governo Monti, sulle case sfitte, in base a quanto stabilito dall'art. 6 che prevedeva il ‘ripristino parziale della imponibilità ai fini Irpef dei redditi derivanti da unità immobiliari non locate’, Palazzo Chigi ha smentito tale ipotesi salvando da una stangata salatissima i proprietari di seconde case.

Una nota diffusa sostiene che le indiscrezioni riportate ‘evidentemente si riferiscono a bozze circolate nei giorni scorsi e che non faranno parte del provvedimento che sarà in Gazzetta Ufficiale’.

Tra le ipotesi di copertura del ministero dell'Economia e riferite nei giorni scorsi da fonti governative vi era infatti l'assoggettamento a Irpef in misura pari al 50% delle case diverse dall'abitazione principale e non in affitto.

Il testo definitivo dovrebbe confermare la sanatoria per i gestori di slot condannati dalla Corte dei Conti a pagare complessivamente 2,5 miliardi. La nota diffusa da Palazzo Chigi lascia, dunque, intendere che la bozza in possesso degli organi di stampa e oggetto di analisi per il ritorno della cosiddetta Irpef fondiaria sulle abitazioni non locate, sia pure con un abbattimento del 50%, non sarebbe in realtà quella finale e che invece i tecnici sarebbero a lavoro per definirla.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il