BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Microsoft compra la divisione dei cellulari Nokia. Svolta storica

Microsoft compra Nokia: il titolo vola in Borsa. Intanto Ballmer ha annunciato dimissioni



Microsoft acquista i cellulari Nokia e il marchio Lumia per 5,44 miliardi di euro. Le attività trasferite a Microsoft valgono 14,9 miliardi di euro, circa il 50% delle vendite di Nokia nel 2012. A comunicare la nuova collaborazioni le due aziende in una nota.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal lo scorso giugno, la discussione tra le compagnie era in corso da tempo. Secondo l’accordo, Redmond rileverà le attività devices e service di Nokia, la licenza per i brevetti Nokia e l'uso dei servizi mappe di Nokia.

L'accordo dovrebbe chiudersi nel primo trimestre 2014, quando circa 32.000 dipendenti Nokia passeranno a Microsoft, inclusi 4.700 che lavorano in Finlandia e 18.300 che si occupano nel mondo della produzione, assemblaggio e packaging.

I mercati hanno accolto positivamente l’operazione di acquisto e dopo l’annuncio il titolo Nokia balza del 40% alla Borsa di Helsinki. Le azioni della società finlandese hanno toccato una punta di 4,14 euro. Con l’accordo, Microsoft acquista i marchi Lumia e Asha e ha la licenza su quello Nokia.

Per Steve Ballmer, l’amministratore delegato di Microsoft in uscita, si tratta di una scommessa importante sulla possibilità di guadagnarsi una buona fetta di mercato nel mercato della telefonia mobile.

Steve Ballmer, in azienda dal 1980 e Ceo dal 2000, ha annunciato, infatti, le dimissioni, ma insieme a Bill Gates rimane il principale azionista dell'azienda.

Secondo Ballmer, “Unire le due squadre accelererà la quota e i profitti di Microsoft nella telefonia e rafforzerà le opportunità per Microsoft e i nostri partner.

Risto Siilasmaa, amministratore delegato ad interim di Nokia, ha spiegato che “Dopo una valutazione scrupolosa su come massimizzare il valore per gli azionisti, riteniamo che questa transazione sia la strada migliore per Nokia e i nostri azionisti”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il