BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni: ultime notizie aggiornate Governo Letta. Uscita statali anticipata a sorpresa

Statali in pensione con vecchie regole: la novità del decreto P.A.



Mentre si continua a ribadire la necessità di modifiche all'attuale sistema pensionistico e alla necessità di regole ad hoc per lavoratori precoci e usuranti, nel decreto salva statali, approvato qualche giorno fa dal governo, spunta una novità: quella che prevede la possibilità per gli statali di lasciare il lavoro con le vecchie regole.

In particolare, il testo invita le pubbliche amministrazioni a completare le quote dei lavoratori in eccesso entro il prossimo 30 settembre, prevedendo l’allungamento dei requisiti per la pensione antecedenti alla riforma Fornero fino a tutto il 2015.

I lavoratori che lasceranno il lavoro entro i prossimi 3 anni saranno coloro che hanno maturato i requisiti minimi entro il 2011, inoltre, gli esuberi inseriti nella spending review 2012, in termini di risoluzione, riguardano coloro che hanno raggiunto i requisiti precedenti all'attuale sistema previdenziale definito dall'ex ministro Fornero, cioè abbiano raggiunto i 65 anni di età o i 40 di contributi, invece che 66 anni e 3 mesi, o 41 anni di contributi e 5 mesi per le donne, contro i 42 e 5 mesi per gli uomini.

Inizialmente questo provvedimento era stato ostacolato dal ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, che punta all’equità sociale, ma ora si scopre che è contenuto nel decreto degli statali e farà sicuramente discutere.

Ma molti ritengono che questo provvedimento potrebbe dar spazio a nuove possibili modifiche delle pensioni nella prossima legge di Stabilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il