BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni con rendimenti più alti: classifica 2013. E alcuni sono meno rischiosi dell'Italia

Andamento obbligazioni e rendimenti: la situazione in Europa e non



Qualche mese fa le previsioni avevano paventato l’ipotesi di un ritorno all’acquisto di obbligazioni e di ritorno alla grande dei listini azionari., come sostenuto da Lorenzo Alfieri, country head per l’Italia di JP Morgan, secondo cui “Nella seconda parte dell’anno le azioni saranno da preferire alle obbligazioni”.

E specifica che “In Europa, in caso di recupero delle condizioni economiche, i periferici come Spagna e Italia hanno maggiori chance”. Ma secondo alcuni esperti, anche le obbligazioni societarie in euro dovrebbero trarre profitto.

Sembra, dunque, essere iniziata una fase di ripresa, in cui i rischi maggiori per le obbligazioni high yield europee sarebbero un rallentamento inaspettatamente forte della congiuntura nella zona euro e/o un ulteriore peggioramento del sentiment di rischio degli investitori.

Secondo una classifica stilata dal Sole 24 Ore, al top vi sarebbero i Paesi che pagano i tassi più alti al mondo ci sono due Stati africani, la Nigeria e il Kenya. La prima paga il 13,56% mentre i bond del secondo rendono il 12,2%. In forte rialzo anche i rendimenti del Brasile: le sue obbligazioni governative prezzano sul mercato un rendimento del 12,1%.

Tra i Paesi dell'Eurozona spicca la Grecia che paga il 10,5% e seguono Venezuela e Turchia (10%). L'Italia si piazza invece in 26esima posizione ma ciò che stupisce è che Paesi come la Thailandia (4,3% con un Pil sei volte inferiore a quello italiano) e l'Irlanda (4,07%, che beneficia di un regime fiscale più basso e non armonizzato con quello dei Paesi dell'Eurozona) siano considerati oggi dai mercati tecnicamente meno rischiosi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il