BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da Business Online gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica.

OK

Cerca

Cerca tra i nostri articoli

OK


Pensioni uomini e donne: uscita anticipata statali è possibile.Governo Letta sorprende

Possibilità per gli statali di andare in pensione prima e proposta Giovannini su prestito. Come funziona


Statali a sorpresa in pensione prima con le vecchie regole: questa la novità che emerge dal decreto legge 101 del 31 agosto 2013 recante 'disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni'. Non solo, dunque, stabilizzazione dei precari.

Secondo quanto stabilito dal decreto, le pubbliche amministrazioni dovranno completare le quote dei lavoratori in eccesso entro il prossimo 30 settembre, prevedendo l’allungamento dei requisiti per la pensione antecedenti l’attuale riforma prevista dall’ex ministro Fornero fino a tutto il 2015.

I lavoratori che lasceranno il lavoro entro i prossimi 3 anni saranno coloro che hanno maturato i requisiti minimi entro il 2011. Il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, ha proposto poi il prepensionamento con prestito, ovviamente da restituire.

In pratica, la proposta si basa sulla possibilità da parte dei lavoratori prossimi all'età pensionabile di un prepensionamento ma a spese proprie, cioè ottenendo un anticipo che dovrà poi essere restituito negli anni successivi tramite taglio al proprio assegno.

L'idea Giovannini per il prepensionamento seguirebbe 'uno schema per cui, supponiamo, chi è a due-tre anni dal pensionamento e lascia il lavoro potrebbe per tale periodo ricevere un sostegno economico, che poi dovrà ripagare negli anni successivi: si tratterebbe di una sorta di prestito, senza costi aggiuntivi sul sistema pensionistico'.




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 06/09/2013 alle ore 10:37