BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Polizze vita e assicurazioni detrazioni più basse per abolizione Imu 2013. E si aprono nuove ipotesi

Dopo le assicurazioni vita toccati anche fondi pensioni e altri risparmi? I timori degli italiani



Mentre l’Imu 2013 sulle prime case e i terreni agricoli è stata cancella, è stata dimezzata la detraibilità delle polizze vita, che passa dagli attuali 1.291,14 euro a 630 euro per il periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013, per scendere ancora a 230 euro dal periodo d'imposta 2014, compresi i premi vita e infortuni stipulati o rinnovati entro il periodo d'imposta 2000.

L'articolo 12 del decreto Imu dimezza, infatti, per quest'anno il limite massimo di fruizione per detrarre dall'Irpef il 19% dei premi di assicurazione sulla vita, contro gli infortuni e la non autosufficienza.

Riducendo la detrazione sulle assicurazioni vita, lo Stato dovrebbe ricavare 400 milioni di euro per il 2013 e circa il doppio per l'anno successivo. Questo detraibilità alle polizze è stato definito per reperire le risorse necessarie a copertura delle norme sugli esodati.

La decisione che tocca le polizze vita va comunque temere che gli interventi del governo non finiscano qui perché si ha paura che si vadano a toccare anche i fondi pensioni e le pensioni integrative della casse dei professionisti.

Secondo Andrea Camporese, presidente di Adepp, l'associazione delle Casse dei professionisti, “In un paese in cui va decrescendo il tasso di copertura del primo pilastro, ossia dello Stato, ridurre l'incentivo al risparmio individuale non aiuta certo nè i singoli nè la collettività, che domani si troverà con fasce di popolazione in difficoltà”.

E Sergio Corbello, presidente di Assoprevidenza, teme che “Il rischio è che molti risparmiatori vengano disincentivati al risparmio, che è invece la base di ricchezza di ogni paese e, in particolare, del nostro. Inoltre, queste iniziative fanno temere che a fronte di necessità di cassa contingenti, forme strutturali di risparmio di lungo periodo, e definite da tempo, possano essere messe in dubbio”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il