BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Service Tax Governo Letta al posto Imu 2013: quando, come e per chi entrerà in vigore nel 2014

Service Tax al posto di Imu e Tares: come funzionerà e quanto peserà sugli inquilini



Dal prossimo 2014 la nuova Service Tax entrerà in vigore sostituendo Imu e Tares e vi saranno soggetti non solo i proprietari ma anche gli inquilini. La nuova imposta comunale sostituirà, come accennato, l'Imu, accorpando tassa sui rifiuti (Tari) e servizi cosiddetti indivisibili.

La Service Tax sostituirà dunque  l'imposta diretta alla copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti, e avrà due aspetti importanti: la gestione dei rifiuti urbani e dei servizi indivisibili.

La componente sui servizi indivisibili colpirà proprietari e occupanti e per la determinazione del suo valore di pagamento il Comune potrà scegliere come base imponibile o la superficie o la rendita catastale e in questo caso il pagamento della tassa sarà a carico sia del proprietario, perché i beni e i servizi pubblici concorrono a determinare il valore commerciale dell'immobile, sia dall'inquilino, che usufruisce dei beni e servizi locali.

La componente della gestione dei rifiuti, invece, dovrà essere pagata da chi occupa, a qualunque titolo, locali o aree suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Secondo l'Unione Inquilini, la nuova tassa rappresenterà una stangata media da circa mille euro che dal prossimo anno rischia di abbattersi sugli affittuari e il presidente, Walter De Cesaris, avverte: “Più che un piano casa sembra un piano sfratti che travolgerà oltre tre milioni di inquilini. In vista un rischio tsunami degli sfratti per morosità”.

In generale, comunque, saranno i sindaci a decidere aliquote ed esenzioni sulla base di una griglia standard da definire sempre con la legge di Stabilità e saranno valutati o i metri quadri o la rendita, in modo da attenuare le sperequazioni dei catasti italiani.

E, come detto, dovrà essere pagata sia dai proprietari che dagli inquilini, visto che la seconda casa produce un reddito ma i servizi come l’illuminazione pubblica o la spazzatura sono a vantaggio di chi ci vive.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il