Evasione Fiscale di Google, Amazon e i big di Internet: il G20 russo vuole una soluzione

G20 contro elusione fiscale: i grandi del web nel mirino



Questione siriana e non solo: al summit del G20 di Russia punto cruciale di discussione era la questione economica del nostro mondo e la necessità di modelli anti evasione che devono colmare i buchi dei debiti pubblici.

Allo studio anche un piano d'azione contro l'elusione fiscale e la necessità di una stretta sulle multinazionali come Amazon e Google. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha detto: “Abbiamo notato in che modo i mercati finanziari eludono il nostro controllo, ma ora possiamo dire di aver raggiunto un progresso per quel riguarda l'evasione fiscale, soprattutto delle multinazionali visto che ci sono aziende che in nessun Paese al mondo pagano le tasse”.

Le nuove misure impongono alle imprese di pagare le tasse nel Paese in cui producono reddito e non in cui hanno la sede sociale. La localizzazione di queste aziende è tanto più complicata per quelle che operano su Internet, come Google e Amazon, che d’ora in poi dovranno fornire le informazioni sulla ripartizione geografica dei profitti.

Ciò significa che si metterà mano ai portafogli anche di aziende come Google, Amazon, Facebook e Apple, che permettono di navigare in Internet, comunicare con tutti in tempo reale, comprare libri e musica. Gli Stati stanno decidendo le misure giuste per farlo ma ancora non si conosce quale potrà essere l’impatto sull’economia reale.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il