BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e lavori usuranti: maggiore tutela in Europa. Governo Letta deve intervenire

Usuranti e precoci più tutelati in altri Paesi europei. Proteste in Francia contro nuova riforma pensionistica



Mentre in Italia si chiede da tempo una maggiore attenzione e regole ad hoc per lavoratori precoci e usuranti,ma nel frattempo non si riescono ad attuare le modifiche alle pensioni in generale, necessarie per risolvere alcune questioni ingarbugliate, create dall’entrata in vigore delle norme Fornero, come esodati e pensionandi di Quota 96, in Europa la situazione sembra essere diversa, in modo particolare in Germania e in Francia, dove ora è stata fatta una manovra sulle pensioni, che però sta creando non poche proteste.

La riforma delle pensioni proposta dal Premier Jean-Marc Ayrault prevede un aumento progressivo dei contributi lavorativi. Per percepire una pensione piena, ad esempio, serviranno 43 anni di anzianità nel 2035 mentre nel 2020 l’anzianità richiesta sarà di 41 anni e mezzo.

La nuova riforma serve a rimettere i conti in equilibrio con l’Europa. Ma per molti il nuovo sistema di allungamento del periodo di contribuzione è inaccettabile.

Già nel 2010 una precedente riforma aveva alzato l'età pensionabile da 60 a 62 anni e portato a grandi proteste di massa. E ora si susseguono in tutte le città francesi, da Parigi a Marsiglia, i cortei di protesta.

Organizzatori e sindacati ritengono che la riforma delle pensioni studiata dal governo sia ingiusta. La proposta andrà al voto del Parlamento questo autunno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il