BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Contratto bancari: disdetta è ufficiale. Le motivazioni della banca. Reazioni sindacati

Ufficializzata la disdetta contratti dall’Abi. Scioperi in vista



L’Abi ha ufficializzato la disdetta anticipata del contratto nazionale dei bancari la cui scadenza sarebbe stata il prossimo giugno 2014. Il documento con le motivazioni alla base della disdetta anticipata spiega che si tratta di una decisione presa a causa della crisi e dell’aumento delle sofferenze.

Con questa decisone verranno, dunque, bloccati gli aumenti contrattuali automatici, previsti dall’attuale contratto firmato il 19 gennaio 2012 e valido fino al 30 giugno 2014.

Secondo il segretario generale della Uilca Massimo Masi, “La disdetta del Contratto Nazionale da parte dell’Abi costituisce un atto che compromette gravemente le relazioni sindacali nel credito” e annuncia da parte delle organizzazione sindacali una risposta unitaria “determinata e di forte mobilitazione”.

Lando Maria Sileoni, segretario generale del Fabi, il maggior sindacato del comparto bancario, ritiene che “La disdetta del contratto nazionale dei lavoratori bancari con 10 mesi di anticipo rappresenta un attacco inaudito ai diritti dei lavoratori, a cui risponderemo per le rime, anche con lo sciopero”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il