BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013 prima casa e terreni ritorna senon ci sarà aumento iva secondo annuncio Tesoro

Cancellazione Imu 2013 3 blocco Imu impossibili da fare insieme: cosa cambierà?



Se l’aumento di un punto percentuale dell’Iva, dal 21 al 22%, dovesse essere bloccato, così come auspicato, potrebbe generare una conseguenza ben più negativa e cioè il ritorno del pagamento Imu 2013 per prime case e terreni agricoli.

E il ministero dell'Economia conferma ‘O si finanzia l'abolizione dell'Imu o si finanzia il blocco dell'aumento dell'Iva. Entrambe le cose non sono possibili’. Ma se l'abolizione della seconda rata  dell'Imu 2013 ora è solo un impegno del governo che dovrebbe essere formalizzato nella Legge di Stabilità di ottobre, l'aumento dell'Iva, che riguarderà tantissimi prodotti, dal vino agli elettrodomestici, è già legge e se tra qualche giorno l'aliquota Iva passerà al 22%, i circa quattro miliardi che sarebbero stati necessari per mantenere l’aliquota al 21 verranno dirottati alla riduzione del cuneo fiscale e contributivo.

Dunque, l’aumento dell’Iva servirà necessariamente a mantenere l’abolizione dell’Imu e ciò che proprio non si può sperare è avere entrambe le cose, anche perchè il governo ha già in mente che cosa fare con i 4 miliardi che incasserebbe in un anno dall’aumento dell’Iva, e si tratta di misure importanti per provare ad agganciare la crescita: riduzione del cuneo fiscale e contributivo.

Intanto, il commissario europeo Olli Rhen ha criticato duramente il decreto per l’abolizione della tassa immobiliare sulla prima casa.

E ha detto: “Il provvedimento preso dall’Italia con l’abolizione dell’Imu ha suscitato e suscita preoccupazioni, rispetto allo spostamento degli oneri fiscali dai fattori produttivi verso altri cespiti”, spiegando che “sarà nostro dovere verificare la service tax”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il