BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013 e Service Tax ma anche la nuova riforma del catasto Governo Letta

Come funzionerà il nuovo Catasto e quando sarà attuata la riforma



Non solo Imu e nuova Service Tax, che dal prossimo anno si abbatterà, secondo le stime, come una vera e propria stangata sui contribuenti italiani. A pesare sarà probabilmente anche la tanto discussa riforma del Catasto che potrebbe produrre aumenti sulle tasse per miliardi. 

Le novità dell’eventuale riforma prevedono la suddivisione del territorio in microzone; l'eliminazione del sistema di vani, classi e categorie, ormai vecchio di 74 anni; e individuazione di immobili-tipo, ai quali applicare un algoritmo con variabili per personalizzare il valore patrimoniale.

Ma è il valore patrimoniale la vera novità della riforma. Questo sarà determinato dai valori di mercato al metro quadrato, per la tipologia immobiliare relativa, rilevati probabilmente dall’Omi (Osservatorio immobiliare dell’agenzia del Territorio).

bisognerà poi aggiungere una serie di coefficienti, dalle scale, al piano, all’anno di costruzione, all’esposizione, all’affaccio, alla presenza dell’ascensore o meno, al riscaldamento centrale o autonomo (quest’ultimo abbassa il valore), allo stato di manutenzione e sarà la loro totalità a determinare un algoritmo che andrà a modificare radicalmente il valore al metro quadrato di partenza.

Il valore che ne risulta dovrà essere moltiplicarlo per il numero dei metri quadrati rilevati secondo la metodologia catastale e il risultato sarà il valore patrimoniale. La nuova rendita catastale partirà dai valori locativi annui espressi al metro quadrato.

Per verificare il nuovo sistema si parte, dunque, dall’individuazione delle microzone, piccole porzioni di territorio comunale, con caratteristiche omogenee già definite.

Poi, nell’ambito delle microzone e per ogni tipologia immobiliare (abitazioni, negozi, eccetera) si definirà il valore medio di mercato. E poi saranno applicati dei coefficienti correttivi concernenti l’ubicazione, epoca di costruzione, destinazione (come economico, civile) grado di finitura, eccetera. Questi coefficienti agiranno sulla base di un algoritmo che alla fine stabilirà il valore unitario del metro quadrato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il