BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mediazione obbligatoria cause civili obbligatoria di nuovo: come funziona e novità

Torna l’obbligatorietà della mediazione civile: come funziona e ruolo avvocati



E' tornata ad essere obbligatoria, dal 20 settembre scorso, la procedura della mediazione civile, per le controversie appunto civili, in cui non rientrano quelle riguardanti le responsabilità civili per circolazione di veicoli.

L’obbligo di mediare sarà in vigore per quattro anni e alla conclusione del secondo il Ministero della Giustizia dovrà analizzarne i risultati e le problematiche che ne sono derivate.

Ci si reca dal mediatore in caso di contenzioso su: condominio, diritti reali, divisioni, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazioni, comodato, affitto di aziende, risarcimento di danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari; mentre non rientra nell’elenco la responsabilità da sinistri stradali e viene aggiunta alla responsabilità medica quella sanitaria.

Il procedimento di mediazione prevede un incontro preliminare tra le parti e il mediatore che dovrà verificare l’effettiva possibilità di un accordo. Se dal primo incontro emerga l’impossibilità di un accordo, l’Organismo di mediazione non dovrà ricevere alcun compenso.

Per le materie che rientrano nell’obbligatorietà, le parti dovranno essere assistite da un Avvocato durante le sessioni di mediazione. Tali avvocati saranno avvocati saranno mediatori di diritto, cioè non avranno bisogno di frequentare lo specifico corso di 50 ore e superare il relativo test di valutazione.

Tuttavia gli Avvocati iscritti ad Organismo di mediazione dovranno comunque essere adeguatamente formati in materia di mediazione e intraprendere percorsi di aggiornamento teorico-pratici.

Nell’ambito della competenza territoriale viene introdotta la norma per cui le parti possono presentare istanza solo presso organismi di mediazione presenti nel luogo del giudice territorialmente compete per l’eventuale causa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il