BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Letta: uscita anticipata e meno tasse richieste dai sindacati

Sindacati su richieste pensioni e differenziazioni di età: cosa potrebbe cambiare



Una tassazione meno pesante sui redditi da lavoro e la possibilità di un’uscita dal lavoro anticipata per alcune categorie di lavoratori. Tra queste rientrerebbero lavoratori usuranti, precoci e donne.

Susanna Camusso, segretario della Cgil, spiega: “servirebbe anche una politica industriale di qualità senza quel pacchetto di privatizzazioni che si profila all'orizzonte. Alle privatizzazioni diciamo un gigantesco no a carattere cubitale perché se ne parla troppo ipotizzando gli spezzatini più incredibili e inutili”.

E parla della necessità di un cambiamento della politica economica del Paese, ritenendo, sulla Legge di Stabilità, che “Il dibattito che c’è non convince, per usare un eufemismo. Sembra ci sia uno schema di galleggiamento, non ci si sta confrontando con il profilo del Paese e le esigenze dei cittadini. E non si aggredisce il nodo fondamentale, che è quello dell’ingiustizia nella distribuzione del reddito e della sovrabbondante tassazione sul lavoro dipendente e sulle pensioni.

Se la legge di stabilità non scioglie questo nodo, non si potrà che procedere con la mobilitazione. Senza risultati si deve avviare una stagione unitaria di mobilitazione”.

Mobilitazione anche se non ci sarà una differenziazione nell’età pensionabile tra uomini e donne perché, come anche ribadito tempo dal segretario del Pd, Guglielmo Epifani, non è stato giusto “l'innalzamento dell'età pensionabile uguale per uomini e donne che si è realizzato con la riforma. Serve maggiore attenzione alla complessità della condizione della donna”.

Aver reso paritaria anagraficamente l’uscita dal lavoro di uomini e donne è stato, secondo molti, discriminante. Ora l’età minima per andare in pensione, che per decenni è stata di 60 anni per le donne e di 65 per gli uomini, è cambiata ed è stata equiparata per uomini e donne dipendenti a 66 anni, ma la proposta è quella di permettere alle donne di andare in pensione a 60 anni rispetto ai 62 degli uomini.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il