BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti: offerte Settembre 2013 e consigli su come fare a risparmiare

Spese gestione conti correnti e i più convenienti: quali scegliere



Dagli ultimi dati resi noti dalla Banca di Italia, i costi per la gestione dei conti correnti risultano ancora troppo alti, dalle commissioni su bonifici, a quelle per il pagamento bollette e rate dell’affitto, e delle ricariche.

Secondo l’analisi dell’Isc, l’Indicatore sintetico di costo annuo del conto corrente voluto dalla Banca d’Italia, mantenere un conto corrente può costare fra i 53 e i 111 euro all’anno, ma anche di più, soprattutto se si va in rosso per via dei tassi passivi sullo scoperto e delle commissioni sui fidi. Nonostante i costi elevati, solo un risparmiatore su dieci ogni anno cambia banca.

Secondo una ricerca realizzata dall'Antitrust sono le banche del Credito cooperativo ad aver messo mano agli aumenti maggiori lo scorso anno: del 12%, che tradotto in cifre significa una somma pari a 131 euro a famiglia con operatività media, il triplo rispetto alle grandi banche (+4%) e il quadruplo rispetto alle Popolari (+3% per aumenti pari a 107,69).

Gli aumenti nelle Bcc hanno toccato anche punte del 20%. Per risparmiare, dunque, sulle spese del proprio conto è bene valutare prima tutte le operazioni che essi offrono e a quali costi, ma meglio ancora sarebbe rivolgersi ai coni online, anche se, negli ultimi tempi, anche questi sono stati colpiti dai rincari.

CorrierEconomia ha analizzato i prezzi più bassi nelle cinque grandi banche (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Ubi-Pop Bergamo, Mps, e Bnl) e per questo mese di settembre ne è risultato che per i giovani il conto online più conveniente è il conto Qubi del gruppo Ubi, che ha un costo di 36 euro e che conviene anche alle famiglie con media o alta operatività (72 euro).

Per i pensionati che usano poco il conto, il più conveniente è quello della Bnl  (30,05 euro), buono anche per le famiglie mediamente operative. Dallo studio emerge che i conti tradizionali Ubi e Bnl risultano i più convenienti con prezzi annui di gestione che oscillano tra i 36 e i 72 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il