BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Conto corrente base: non è economico e non funziona

Conto Base un flop: i motivi



Il Conto di Base nasce come strumento previsto dalle misure del decreto 'Salva Italia' sui limiti di pagamento in contanti. Si tratta di un conto di pagamento pensato per chi ha limitate esigenze di operatività, aperto a tutti, ma offerto gratuitamente per le fasce svantaggiate, coloro che cioè hanno un ISEE fino a 7.500 euro e per i pensionati fino a 1.500 euro al mese.

Il Conto di Base si presenta come un prodotto standard le cui caratteristiche sono state individuate in una convenzione sottoscritta da MEF, Banca d’Italia, ABI, Poste Italiane e Associazione Istituti di pagamento e moneta elettronica ed è offerto dal primo giugno 2012.

Si pensava dovesse essere un sostegno per molti, strumento privilegiato rispetto ad altre tipologie di conto, ma, come emerso anche da CorrierEconomia, il Conto di Base si è rivelato un flop.

Ed è stato giudicato tale anche dal Garante della concorrenza nella sua Indagine 2013 sui conti correnti. Il conto, lanciato nel giugno 2012 per offrire condizioni basse da un lato ai pensionati che non potevano più prelevare la rendita in contanti, per via delle nuove regole antievasione, dall'altro per le categorie di cittadini svantaggiate, è troppo caro e, secondo quanto emerso, sembra siano in pochi ad utilizzarlo.

Secondo la ricerca, infatti, non ha avuto una diffusione sufficiente per raggiungere lo scopo di una maggiore inclusione finanziaria e a non averlo scelto sono sia i consumatori comuni sia le due categorie alle quali era dedicato, cioè i pensionati e le fasce svantaggiate.

Per due motivi in particolari, si legge ‘Primo per la politica dei prezzi non competitiva da parte delle banche, tanto che spesso il Conto di Base costa più di altri prodotti.

E secondo, per la scarsa trasparenza, non sempre il canone è onnicomprensivo e diverse banche richiedono il pagamento di specifiche commissioni per le differenti operazioni. Ciò significa che poi tanto economico non è.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il