Test medicina università 2013: graduatoria nazionale ieri. Molti studenti dovranno spostarsi

Ieri sono state pubblicate le graduatorie nazionali Medicina: quanti sono passati e posti disponibili negli atenei



Ieri, lunedì 30 settembre, sul sito di Miur è stata pubblicata la graduatoria nazionale che riporta i nominativi di tutti coloro che hanno superato il test di ingresso alla Facoltà di Medicina.

Coloro che hanno sostenuto il test hanno finalmente saputo se sono stati Assegnati e che potranno occupare un posto disponibile presso la facoltà prescelta e iscriversi entro 4 giorni dalla pubblicazione.

Se non assegnati, i candidati potranno risultare anche Prenotati, e che cioè non potranno frequentare la sede indicata come prima scelta ma risulteranno prenotati presso un’altra sede indicata al momento dell’iscrizione. Il candidato dovrà dunque decidere se iscriversi presso un altro ateneo o aspettare che si liberi un posto nell’ateneo prescelto.

E’ consigliabile che il candidato consulti sempre la graduatoria, giacchè esse sarà aggiornata ogni 5 giorni. Secondo i primi dati, centinaia di studenti ammessi al test di Medicina e Odontoiatria sostenuto al Nord saranno costretti a trasferirsi al Sud se vorranno laurearsi in Medicina.

Se, infatti, fino a due anni fa la selezione veniva effettuata per ateneo e l'anno scorso per ambiti regionali o interregionali, da quest'anno, tutto cambia e molti studenti del nord dovranno trasferirsi al Sud, perché in Lombardia, Veneto o Piemonte i posti messi in palio dal ministero dell'Università non basteranno per tutti.

Tra i primi 10.456 ammessi alle facoltà di Medicina e Odontoiatria degli atenei pubblici ben 905 hanno sostenuto il test di ammissione alla statale di Milano ma qui saranno disponibili 370 posti per iscriversi in Medicina e 60 per Odontoiatria su 430.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il