BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013 prima casa e terreni. Tutti dovranno pagare seconda rata se cade Governo Letta

Cade il governo e si torna a pagare l’Imu? Le prospettive di evoluzione della crisi di governo



Rischia di essere cancellata la possibilità di evitare il pagamento Imu 2013 per prime case e terreni agricoli. Il rischio nasce dalla crisi che attualmente il governo sta vivendo e dalla sua possibilità di caduta. Il tutto, chiaramente, a discapito di coloro che mesi fa avevano tirato un sospiro di sollievo.

Nessuna conferma, dunque, nella prossima Legge di Stabilità? Secondo gli ultimi dati resi noti nel Documento di Economia e Finanza approvato venerdì dal governo, non ci sarebbero i fondi con cui coprire l'eventuale mancato gettito dell'aumento dell'Iva, che costerebbe un miliardo da qui a fine anno, e la cancellazione della seconda rata Imu (2,4 miliardi).

Sono disponibili al momento poco più di 300 milioni, recuperati tagliando ogni spesa non indispensabile, che servono per finanziare da qui alla fine dell'anno le missioni di pace e l'intervento umanitario in Siria.

Al ministero dell'Economia ritengono, infatti, impossibile trovare le risorse necessarie qui a fine anno per garantire la cancellazione della seconda rata Imu sulle abitazioni principali (2,4 miliardi), rifinanziare la Cig in deroga (4-400 milioni) e le missioni internazionali di pace (3-400 milioni), sterilizzare l'Iva fino a fine anno (1 miliardo) e provvedere alla correzione dei conti per 1,6 miliardi per rispettare il tetto del 3%.

Se dovesse effettivamente cadere il governo, tutti tornerebbero a pagare la seconda rata dell’imposta degli immobili per il 2013, la cui scadenza è fissata per il prossimo 16 dicembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il