BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test Medicina 2013 Università: in tanti obbligati a spostarsi in sedi lontane.Come funziona.Proteste

Come e dove iscriversi per la Facoltà di Medicina: risultati e graduatoria



Spostarsi da a Nord a Sud: questo il destino di decine e decine di aspiranti medici per cui non sono disponibili posti nelle sedi da loro prescelte. Dopo la pubblicazione, ieri, della graduatoria nazionale, che si può consultare sul sito del Miur, la classifica e i posti nelle varie università sono stati assegnati tenendo conto delle preferenze, fino a esaurimento delle disponibilità, in base ai risultati delle prove d'ingresso.

Per permettere a tutti gli aspiranti medici di sistemarsi in qualche ateneo, la graduatoria nazionale verrà aggiornata ogni 5 giorni per cui sarebbe consigliabile che ogni interessato la consulti sempre.

Dai risultati è emerso che centinaia di studenti dovranno trasferirsi dal Nord al Sud per studiare: per esempio, dovranno spostarsi molti degli oltre 900 aspiranti per la Statale di Milano, che mette a disposizione solo 370 posti a Medicina e 60 a Odontoiatria. Ma sono tantissimi che sono costretti a trasferirsi da Nord a Sud a causa del numero di posti disponibili negli atenei prescelti inferiori rispetto al numero di aspiranti medici che hanno superato il test.

Ma tanti, seppur in misura minore, dovranno spostarsi anche da Sud a Nord. La graduatoria nazionale  è la più importante novità del test. All'atto dell'iscrizione, ogni studente ha indicato la sede universitaria di preferenza, cioè quella dove  ha sostenuto il test, e una o più seconde scelte in ordine di preferenza.

Il meccanismo prevede per lo studente Assegnato all'ateneo prescelto l'obbligo di immatricolarsi entro 4 giorni, pena l'esclusione dalla graduatoria., mentre lo studente Prenotato può decidere se immatricolarsi entro lo stesso termine a quella che per lui è una seconda o terza (o più) scelta, o attendere eventuali rimescolamenti della graduatoria, conclusa la prima parte di immatricolazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il