BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Voto fiducia Governo Letta è stato ottenuto ieri. Le novità e i cambiameti possibili ora

Letta alle Camere oggi per la fiducia: notizie in tempo reale



AGGIORNAMENTO: Ieri il Governo Letta ha ottenuto la fiducia e una nuova base e maggioranza politica da cui ripartire. Ecco tutte le novità possibili dei prossimi mesi di Governo su alcune delle questioni più importanti come lavoro, economia, tasse, imu, scuola, esodati trattate nel discorso programmatico di Letta ieri in Parlamento. Potete trovare la nostra analisi in questo articolo

------------------------------------------

Si saprà entro la serata il destino del governo italiano: il premier Enrico Letta chiederà, infatti, oggi, mercoledì 2 ottobre, tra questa mattina e questo pomeriggio, la fiducia alle Camere.

 Alle 9:30 è atteso il primo discorso di Letta al Senato e poi si passerà al voto. Per seguire in tempo reale l’andamento delle decisioni ci si può collegare a Twitter, ai seguenti link https://twitter.com/search?q=%23Letta&src=hash&f=realtime e https://twitter.com/search?q=%23fiducia&src=hash&f=realtime, o al sito http://www.huffingtonpost.it/.

Voterà per la sfiducia Silvio Berlusconi che  ha assunto la sua posizione al termine di un vertice a Palazzo Grazioli con i fedelissimi, mentre Angelino Alfano è favorevole alla fiducia.

Il vicepremier aveva, in realtà, invitato il partito a votare unito a favore dell'esecutivo. Nella notte un nuovo tentativo di mediazione. Il vicepremier è tornato a palazzo Grazioli per provare a scongiurare la scissione. Ma le posizioni sembrano essere rimaste lontane e il Pdl è ormai spaccato.

Il no a Letta non era già stato appoggiato da alcuni esponenti del partito: da Fabrizio Cicchitto a Maurizio Lupi che hanno parlato di “un errore di Berlusconi”, mentre Carlo Giovanardi, già ieri pomeriggio, aveva annunciato che “Un nuovo gruppo è pronto, siamo quaranta”.

“Mi auguro che tutta questa instabilità non porti a una precettazione da parte dell'Europa e a una gestione commissariale” ha detto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a proposito della crisi politica.

“Spero che il senso di responsabilità di chi ci governa prevalga: non vorrei che ci ritrovassimo nella stessa situazione dell'ottobre 2011”. E ha aggiunto: “E' fondamentale che la legge di stabilità sia realizzata con le decisioni giuste che abbiamo già indicato al presidente del Consiglio Enrico Letta”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il