BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tassi interessi bassi Ottobre 2013 e potrebbero scendere ancora per Draghi: mutui e prestiti

Bce: tassi invariati ancora a lungo. Cosa cambia per finanziamenti e mutui



La Bce lascia invariato il costo del denaro, al minimo storico. Il Consiglio ha deciso di tenere fermi il tasso di riferimento allo 0,50%, il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale all'1,00% e quello sui depositi allo 0%.

L'ultima variazione risale a maggio, quando la Bce ha tagliato dello 0,25% il tasso di riferimento che era rimasto fermo allo 0,75% dal luglio 2012. E Mario Draghi, presidente della Bce, ha annunciato che “I tassi di interesse rimarranno a questo livello o più bassi per un lungo periodo”.

E ha spiegato: “Ci sono ancora rischi al ribasso sulla crescita, rappresentati soprattutto dagli alti prezzi energetici dovuti a problemi geopolitici e l'insufficiente attuazione delle riforme nella zona euro.

Anche se c’è un graduale miglioramento dell'attività economica, mentre la disoccupazione nell'area Euro resta alta, e le aspettative dell'inflazione restano fermamente ancorate sotto ma vicino al 2%”.

I tassi bassi, secondo le previsioni, porteranno ad un aumento di prestiti e mutui, tanto che alcune banche si stanno già muovendo per proporre offerte e promozioni convenienti.

Secondo Stefano Rossini, amministratore delegato di Mutuisupermarket.it, “Per il 2014 le principali banche operanti in Italia vedono un aumento delle erogazioni del 10-20% rispetto al 2013. Questo vuol dire che c'è più apertura adesso a spingere il mercato con offerte migliori”.

E spiega: “Se la domanda di mutui è cresciuta del 2% a luglio e del 4% ad agosto (su base annua) segnando una clamorosa inversione di tendenza dopo due anni e mezzo di continua discesa a rotta di collo, adesso è importante superare il test di settembre/ottobre, decisamente più impegnativo dato che nei mesi estivi la domanda è storicamente bassa e quindi il recente dato in rialzo è un buon segnale ma non basta da solo a spiegare l'inversione del trend negativo”.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il