BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: seconda rata prima casa e terreni. Non si pagherà dopo Fiducia Governo Letta

Confermata cancellazione Imu 2013: cosa accadrà il prossimo anno?



L’Imu 2013 su prime case e terreni agricoli non si pagherà e la conferma è arrivata dopo che ieri il governo Letta ha incassato la fiducia. La cancellazione sarebbe stata messa in dubbio se il governo non fosse riuscito ad ottenere la fiducia ma dopo il voto di ieri, per quest’anno, tutto sarà come annunciato.

Poi, probabilmente, a gennaio si potrebbe procedere ad una rimodulazione della tassa, in base alla nuova riforma del catasto e all’entrata in vigore della nuova Service Tax, la tassa che andrà a sostituire Imu e Tares.

La Service Tax che servirà a mettere a punto una nuova Imu incorporata alla Tares vale circa 2 miliardi, il che significa che il peso della nuova imposta sugli immobili unita a quella per i servizi, sarà inferiore alla somma delle due ora vigenti. Il governo poi intende anche allentare il patto di stabilità dei Comuni per un valore di circa un miliardo.

Altri 3 miliardi serviranno per il pacchetto fisco; ovvero l’aumento delle detrazioni fiscali e la riduzione del cuneo fiscale. Incassata la fiducia, dunque, il premier Enrico Letta vuole procedere ora al varo della legge di Stabilità.

Entro il 15 ottobre il documento deve essere presentato a Bruxelles. Nel discorso per la fiducia, Letta ha già indicato le priorità: calo della pressione fiscale e misure per rilanciare l’occupazione.

Due gli appuntamenti che attendono il governo: la manovrina di aggiustamento dei conti pubblici per far rientrare il deficit sotto il 3% del pil dal 3,1% attuale e la legge di Stabilità con le misure per il 2014. Il forte consenso ottenuto da Letta con il voto di fiducia nelle Camere, può consentire al governo di mettere a punto misure strutturali e di sviluppo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il