BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iva 22%: aumento servizi e beni. Nuove regole. Quanto costerà a famiglia

Quanto costa l’aumento Iva alle famiglie italiane: stime e costi



E’ scattato l’aumento di un punto percentuale dell’aliquota Iva dal 21 al 22% che sta colpendo beni di consumo tecnologici come televisori, macchine fotografiche, computer, e poi frigoriferi, lavastoviglie ed elettrodomestici in genere, e i mobili; e ancora, giocattoli, articoli sportivi e strumenti musicali.

Rincari anche per i mezzi di trasporto come auto, moto e biciclette; tutto l’abbigliamento, comprese le scarpe e gli indumenti per i neonati, e i prodotti per l’igiene e la pulizia, i profumi e i cosmetici.

La maggior parte degli alimentari, considerati beni di prima necessità, continuerà ad essere sottoposta alle aliquote ridotte, ma sono tassati al 21%, e quindi passeranno al 22, i vini, i liquori e i superalcolici, le bevande gassate e i succhi di frutta, e il caffè.

Secondo i dati elaborati dall’Istat, dunque, i prodotti investiti dall’aumento Iva riguardano spese che ogni famiglia italiana ha sostenuto nella quantità di 2419 euro nel 2012, di cui 468 in alimentari e 1951 in prodotti e servizi di altro genere. Secondo le stime, l’aumento porterà nel giro di un breve tempo, ad affossare i consumi in Italia. 

Secondo la Cgia di Mestre, se in termini assoluti saranno i redditi elevati a subire l’aggravio più pesante, l’aumento Iva finirà per pesare “maggiormente sulle retribuzioni più basse e meno su quelle più elevate. A parità di reddito i nuclei familiari più numerosi subiranno gli aggravi maggiori”, provocando un effetto a catena deleterio per l’intero sistema economico italiano.

Per quanto riguarda le ricadute economiche che l'aumento a provocherà sulle famiglie italiane, secondo il Codacons, si va da 209 euro su base annua per una famiglia di tre persone a 349 euro per un nucleo composto da cinque elementi. Il risultato del balzo Iva al 22% corrisponde a 114 euro in più da sborsare per ogni nucleo, che si differenzia per 130 euro al nord, 119 al centro e 91 al sud.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il