BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013:seconda rata cancellata per tutti prima casa e terreni. O così sembra

Dietrofront del Pd sull'emendamento Imu sulla prima rata



Nessun dietrofront sulla cancellazione del pagamento Imu 2013 per prime case e terreni agricoli: ieri, infatti, il Pd ha ritirato ha ritirato tutti gli emendamenti al decreto legge Imu, relativi all'esenzione della prima rata dell'imposta.

Ad annunciarlo il deputato Maino Marchi (Pd), primo firmatario della proposta di modifica presentata nelle commissioni Bilancio e Finanze, che introduceva un tetto di esenzione. Marchi chiedeva di restringere la platea delle esenzioni per la prima rata Imu agli immobili con rendita catastale inferiore ai 750 euro.

Il governo, ha spiegato Marchi, “si è impegnato a stanziare altre risorse per la Cig, in altri provvedimenti e ha assicurato che il meccanismo della service tax si baserà su un rilevante comportamento patrimoniale progressivo, mentre i comuni avranno ampi margini di spazio nella determinazione della quota che riguarderà i servizi”.

Per quanto riguarda poi la Tares, nell’applicazione della tassa i Comuni dovranno tenere conto dalla capacità contributiva dei nuclei familiari, con riferimento in particolare all'Isee, e del volume della raccolta differenziata conferita da imprese e famiglie.

Per quanto riguarda i conti pubblici, l'esecutivo ha dato rassicurazioni sul rispetto del deficit al 3%. Al vaglio poi misure in favore degli affitti: “Riteniamo che ci siano le condizioni per il ritiro degli emendamenti che avevano l'obiettivo di porre delle domande e ottenere della risposte che ci sono state”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il