BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sistri 2013: novità decreto pubblica amministrazione e legge 101 approvate.Chiarimenti e regole

Le novità Sistri: cosa prevedono e per chi sono



Il Senato ha approvato il decreto legge sulla Pubblica  Amministrazione che contiene norme per la riduzione delle spese, la mobilità e l’ efficienza amministrativa. Il provvedimento passa all’esame della Camera.

Tra le misure approvate, anche novità per quanto riguarda il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Esse prevedono che alcune categorie vengano escluse dalla tenuta dei registri di carico e scarico, e una proroga per le sanzioni, che si applicano a decorrere dalla scadenza di 90 giorni dopo la data di avvio dell’operatività del Sistri.

Il Sistri è in vigore dal primo ottobre per i produttori di rifiuti pericolosi con più di dieci dipendenti e per gli enti e le imprese che gestiscono rifiuti pericolosi, mentre per tutte le altre imprese l'avvio del sistema è fissato per il 3 marzo 2014.

Sono esclusi i trasportatori di rifiuti urbani e i liberi professionisti, mentre l'obbligo è solamente rinviato per i trasportatori di propri rifiuti pericolosi. E' stato l’articolo 11 del decreto legge 101/2013 a definire la platea dei soggetti obbligati, ponendo l'obbligo di adesione al Sistri a carico di produttori e gestori di rifiuti speciali pericolosi e suddividendo le partenze tra il primo ottobre 2013 e il 3 marzo 2014.

Per il trasporto transfrontaliero, l’obbligo riguarda i vettori nazionali e stranieri che, a titolo professionale, trasportano rifiuti esclusivamente all'interno del territorio nazionale oppure in partenza dall'Italia verso l'estero.

Per quanto riguarda coloro che dovranno utilizzare il Sistri dal prossimo marzo, il ministero ha chiarito la posizione del produttore iniziale che dovrà comunicare i propri dati al delegato dell'impresa di trasporto che li usa per compilare anche la sezione del produttore della scheda movimentazione; una copia della scheda firmata dal produttore del rifiuto è consegnata al conducente dell'automezzo e un'altra copia resta al produttore del rifiuto e la conserva per cinque anni; la posizione del gestore dell'impianto di recupero o smaltimento che dovrà stampare e trasmettere al produttore la copia della scheda movimentazione completa.

Per quanto riguarda, infine, le sanzioni Sistri di cui all'articolo 260-bis del Dlgs 152/2006, saranno applicabili dal 2 novembre ai soggetti partiti il primo ottobre; mentre per i soggetti che partiranno il 3 marzo 2014, le sanzioni si applicheranno dal 3 aprile 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il