BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test Medicina 2013 università: sentenza Tar ricorsi attesa a giorni per annullamento

Piovono ricorsi per i test di medicina: a giorni la decisione del Tar



E’ stata pubblicata lo scorso 30 settembre la graduatoria nazionale che riportava i risultati dei test di ingresso alla Facoltà di Medicina. Test che hanno scatenato non poche polemiche, a causa dell’abolizione del bonus maturità da parte del Consiglio dei Ministri, con il nuovo decreto Scuola, decisione adottata proprio quando erano in svolgimento le prove per l’ingresso alle varie facoltà.

Ma non solo: molti candidati si sono lamentati dello svolgimento dei test stessi, ritenuti non regolare in alcuni atenei per violazione del diritto all’anonimato. E sono già piovuti numerosi ricorsi al Tar per l’annullamento delle prove perchè non è stato rispettato il diritto all’anonimato degli studenti.

Ai partecipanti ai test d’ingresso della facoltà di Medicina e Chirurgia è stato, infatti, richiesto di indossare una targhetta dove doveva essere esplicitamente indicato il proprio nome e cognome.

L'abolizione del bonus maturità, insieme alla novità per gli studenti passati al test della possibilità di dover frequentare un ateneo lontano da casa in base al posto della graduatoria conquistato, hanno determinato il ricorso al Tar della Codacons che ha richiesto l’annullamento dei test di ammissione di medicina svolti.

Si attende ora la decisione del tribunale Amministrativo Regionale del Lazio che dovrà decidere se ritenere inammissibile la cancellazione del bonus scuola e quindi annullare il test di medicina tenutosi.

Il Codacons ha, infatti, ha chiesto alle Procure della Repubblica delle sedi in cui si sono svolti i test, il sequestro dei risultati, dicendo: “da un lato chiediamo alla magistratura di attivarsi nell’interesse degli studenti sequestrando cautelativamente i risultati delle prove, dall’altro invitiamo gli stessi studenti ad aderire al ricorso collettivo contro il numero chiuso per le facoltà di medicina e odontoiatria avviato dal Codacons, così da far valere il proprio diritto allo studio”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il