BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni aziendali, corporate e Btp: titoli consigliati su cui investire Ottobre 2013

Partita aperta tra obbligazioni e Btp: su cosa puntare?



Tra obbligazioni e Btp la partita è aperta: come riporta CorrierEconomia, secondo gli analisti di TenderCapital, società di investimento indipendente di diritto inglese, vi sono almeno due segmenti del mercato del reddito fisso, quello dei titoli high yield (obbligazioni societarie ad alto rendimento e ad alto rischio) e quello dei bond bancari, in particolare italiani, che nei prossimi 12 mesi potrebbero raggiungere rendimenti di circa il 5%.

Per Nicola Esposito, direttore investimenti di TenderCapital, “Vi sono tuttavia emissioni, come i titoli di Stato dei paesi più sicuri dell’area euro, oppure i governativi del Tesoro americano, o ancora i corporate bond in dollari delle società Usa, che con ogni probabilità registreranno perdite sull’arco dei prossimi 12 mesi”.

Ma, precisa, “Siamo invece abbastanza tranquilli sull’andamento dei tassi e dei rendimenti a breve e a medio termine, che per effetto della politica monetaria di Fed e Bce non dovrebbero salire molto rispetto ai livelli attuali.

Per questa ragione il nostro suggerimento è di puntare su titoli con scadenza fino a tre o al massimo cinque anni”. Potrebbero andar bene i Btp italiani o le emissioni dei paesi periferici dell’euro: questi, secondo il gestore potrebbero registrare rendimenti positivi del 2-4% soprattutto se la situazione dell’economia generale europea tornerà verso la crescita.

“In questo caso l’effetto negativo di un aumento dei tassi di interesse di lungo termine potrebbe essere più che compensato da un calo dello spread, il differenziale di rendimento, con il bund tedesco” ha sottolineato Esposito.

Secondo CorrierEconomia, la ripresa economica potrebbe toccare anche le obbligazioni societarie più sicure, quelle che appartengono alla categoria investment grade, cioè con un livello di rating non inferiore alla tripla B.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il