BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero venerdì 18 Ottobre 2013: treni,aerei scuole,ospedali,uffici pubblica amministrazione.Orario

Venerdì 18 giornata nera per trasporti pubblici e pubblica amministrazioni. Tutti fermi



E’ in programma venerdì 18 ottobre un nuovo sciopero dei mezzi pubblici che coinvolgerà il settore trasporti in tutta Italia, toccando le principali città da Milano a Torino, Roma, Genova, Bologna, Cagliari, Napoli, Palermo, Catania.

La protesta è stata indetta a causa di alcuni tagli previsti dal Governo Letta oltre ad alcune richieste inerenti l’orario di lavoro e il riconoscimento di bonus su stipendi e pensioni. Lo stop riguarderà i lavoratori Alitalia che incroceranno le braccia per 24 ore, dalla mezzanotte del 17 ottobre alla stessa ora del 18 ottobre, così come il personale Sea e Sea Holding degli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa; i lavoratori si Trenitalia che si asterranno dal lavoro dalle 21 del 17 ottobre alle 21 del 18 ottobre, garantendo, comunque, le fasce di protezione; ed anche il trasporto marittimo che resterà fermo per 24 ore.

Incrociano le braccia i lavoratori Anas dalle 6 del mattino del 18 ottobre fino alla stessa ora del giorno successivo. Per il trasporto pubblico locale lo stop sarà di 8 ore nel corso della giornata del 18 ottobre con modalità e orari diversi da città a città.

A Roma, venerdì 18 ottobre, saranno a rischio per 24 ore i mezzi Atac, ma saranno assicurate alcune fasce di garanzia. Nella Capitale, autobus, tram e filobus si fermeranno dalle 8:30 alle 17 e dalle 20 fino al termine del normale turno di servizio.

Sarà garantito il funzionamento dei trasporti pubblici fino alle 8:30 e nel periodo compreso tra le 17 e le 20. Modalità di sciopero differenti per quanto riguarda le tre linee della metropolitana A, B e B1, che si fermeranno dalle 20 fino al termine del turno di lavoro. Dalle 8:30 alle 12:30 sarà in corso il secondo sciopero (durata 4 ore) della giornata, indetto in questo caso dalla Fit-CISL che riguarderà nello specifico i mezzi gestiti da Roma TPL.

A rischio soprattutto i collegamenti periferici. A Milano le organizzazioni sindacali AL COBAS/CUB TRASPORTI e USB Lombardia Trasporti hanno proclamato lo sciopero Generale Nazionale del trasporto pubblico dalle 8:45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio.

Disagi anche per i pendolari di Trenord, dalle 21 di giovedì 17 ottobre alle 21 di venerdì 18 ottobre 2013, e per chi deve prendere aerei a Malpensa e Linate, vista anche l’agitazione dei dipendenti Enac e Sea Holding.

A Torino, le fasce garantite del servizio urbano e suburbano della città e della metropolitana sono dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15; per le autolinee extraurbane da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30: per Sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e Sfma Torino-Aeroporto-Ceres da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30.

A Bologna, per le linee urbane di Imola verranno garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione FS, o dall’autostazione, fino alle 8:20 al mattino e fino alle 19:20 alla sera.

Per il personale viaggiante dei servizi ferroviari TPER, lo sciopero di 24 ore si svolgerà dalle 21 di giovedì 17 ottobre alle 21 di venerdì 18 ottobre, con fasce di servizio garantite dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21 sulle linee della rete di competenza FER Bologna-Portomaggiore, Bologna-Vignola, Ferrara-Suzzara, Ferrara-Codigoro, Reggio Emilia-Guastalla, Reggio Emilia-Sassuolo, Reggio Emilia-Ciano d’Enza, Modena-Sassuolo e Parma-Suzzara.

Aderisce allo sciopero anche l’Ataf, dall’inizio del servizio alle 6, dalle 9:15 alle 11:45  e infine dalle 15:15 alla fine del servizio. Sciopero anche a Napoli, dalle 8:30 alle 17, poi dalle 20 fino a fine servizio, e a Palermo dalle 8:30 alle 17:30 del 18 ottobre.

Ma venerdì 18 sarà una giornata nera anche per la Pubblica amministrazione che si fermerà per l'intera giornata. Per la sanità, lo sciopero si svolgerà da inizio del primo turno del giorno 18 a fine dell'ultimo turno dello stesso giorno. Saranno garantiti i solo i servizi essenziali, mentre per i Vigili del fuoco, stop del settore operativo dalle 10 alle 14; amministrativo e informatico, per l'intera giornata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il